Stop greenwashing: come le aziende dell’UE potranno convalidare le loro dichiarazioni ambientali

Stop greenwashing: come le aziende dell’UE potranno convalidare le loro dichiarazioni ambientali

I green claim dovranno ottenere l'approvazione dai verificatori accreditati UE

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

16

Febbraio
2024

A cura della Redazione F&T

La cosiddetta Direttiva Green Claim che integra il divieto di greenwashing già approvato dall’UE, definisce il tipo di informazioni che le aziende dovranno fornire per giustificare in futuro le loro affermazioni di marketing ambientale, e, inoltre, crea un quadro di rifermento per la verifica delle prove e l'approvazione delle richieste.

Sistema di verifica e sanzioni

I Deputati hanno concordato con la Commissione che le aziende, prima di utilizzarle, dovranno sottoporre all'approvazione eventuali future dichiarazioni di marketing ambientale. Secondo il testo adottato, le richieste verranno valutate da verificatori accreditati entro 30 giorni.

Le aziende che infrangono le regole possono essere escluse dagli appalti, subire la confisca dei propri ricavi e rischiare una multa pari almeno al 4% del fatturato annuo.

La Commissione dovrà stilare un elenco di indicazioni e prodotti meno complessi che potranno beneficiare di una verifica più rapida o più semplice.
I Deputati dovranno decidere se le dichiarazioni ecologiche sui prodotti contenenti sostanze pericolose debbano rimanere possibili.
Le microimprese, secondo questa proposta, dovranno essere escluse dai nuovi obblighi, e le PMI avranno un anno in più prima di applicare le regole.

Compensazione del carbonio e affermazioni comparative

I Deputati hanno confermato il recente divieto dell'UE sulle dichiarazioni ecologiche basate esclusivamente sui cosiddetti sistemi di compensazione del carbonio. Ora specificano che le aziende potranno ancora menzionare sistemi di compensazione se hanno già ridotto il più possibile le loro emissioni, e utilizzare questi sistemi solo per le emissioni residue.
I crediti di carbonio degli schemi devono essere certificati, come stabilito nel Carbon Removals Certification Framework.
Norme speciali si applicheranno alle affermazioni comparative, anche se i due prodotti sono realizzati dallo stesso produttore. Tra le altre disposizioni, le aziende dovranno dimostrare di aver utilizzato gli stessi metodi per confrontare aspetti rilevanti dei prodotti.
Inoltre, le affermazioni secondo cui i prodotti sono stati migliorati non possono basarsi su dati risalenti a più di cinque anni fa.

I prossimi passi

La relazione è stata approvata in Parlamento con 85 voti favorevoli, 2 contrari e 14 astensioni. Sarà messa ai voti in una prossima sessione plenaria e costituirà la posizione del Parlamento in prima lettura, molto probabilmente a marzo.
Il dossier sarà seguito dal nuovo Parlamento dopo le elezioni europee del 6-9 giugno.

Questi argomenti saranno trattati diffusamente il 29 febbraio durante il corso "Green claim o greenwashing? Come cambiano le norme e la comunicazione ambientale delle aziende alimentari" proposto da in_formare.

Commenti

Il relatore del Parlamento Andrus Ansip (Renew, EE) per la Commissione per il Mercato Interno ha dichiarato: "Gli studi dimostrano che il 50% delle dichiarazioni ambientali delle aziende sono fuorvianti. I consumatori e gli imprenditori meritano trasparenza, chiarezza giuridica e pari condizioni di concorrenza. Sono lieto che la soluzione proposta dalle commissioni sia equilibrata, offra maggiore chiarezza ai consumatori e allo stesso tempo sia, in molti casi, meno onerosa per le imprese rispetto alla soluzione originariamente proposta dalla Commissione".

Il relatore del Parlamento Cyrus Engerer (S&D, MT) per la Commissione Ambiente ha dichiarato: "Il nostro accordo su questo testo pone fine alla proliferazione di false dichiarazioni ecologiche che hanno ingannato i consumatori per troppo tempo. Garantisce inoltre che le aziende dispongano degli strumenti giusti per adottare pratiche di sostenibilità autentiche".

Procedure file →
Compromise amendments put to the vote →


Immagine @juicy_fish


RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: