Sostenibilità e industria food: le aziende vogliono diventare green?

Sostenibilità e industria food: le aziende vogliono diventare green?

Il 42,9% aumenterà gli investimenti verdi, il 71,4% ridurrà gli sprechi, il 53,6% impiegherà rinnovabili. Ma per il 46,4% mancano i fondi

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

13

Giugno
2024

A cura della Redazione F&T

In occasione dell’evento Food Social Impact Green strategy - La sostenibilità come bussola per crescere che si è svolto presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, industria e distribuzione si sono confrontare su tematiche legate ad ambiente, nutrizione e persone in ottica di sostenibilità.
Nello spazio dedicato all’Ambiente si sono analizzati i diversi aspetti della relazione banca-impresa approfondendo come BNL BNP Paribas supporta le aziende del food, sia dal lato operativo sia finanziario con un particolare focus sulla sostenibilità. La transizione energetica e la sostenibilità sono sfide che le aziende devono vincere per competere sui mercati internazionali nel lungo periodo. Fare impresa in modo consapevole e lungimirante, creare impatto sociale oltre che sull’economia reale sarà, sempre più, un vantaggio competitivo determinante.

I risultati della ricerca sul futuro della sostenibilità per le aziende

Secondo l’indagine Sostenibilità. A che punto è il food italiano? condotta da Food e presentata in anteprima all’evento, nei prossimi 3-5 anni la sostenibilità sarà proprio tra le principali sfide delle aziende al pari, se non addirittura più importante, della profittabilità e dell’innovazione, che occupano rispettivamente il secondo e il terzo posto nelle sfide di domani. Secondo gli intervistati, la creazione di una filiera di imprese sostenibili è frenata principalmente dall’aumento dei costi per materie prime ed energia (53,6%) e dalla mancanza di fondi (46,4%).
In merito alle azioni di sostenibilità ambientale, nei prossimi 6 mesi il 42,9% delle aziende intende incrementare il livello degli investimenti green, adottando soluzioni di circular economy e riducendo gli sprechi (71,4%) e impiegando energia da fonti rinnovabili per i processi produttivi (53,6%).
Inoltre, il 60,7% degli operatori presterà maggior attenzione alla selezione dei fornitori ed il 35,7% opterà per una ottimizzazione del comparto logistica e del magazzino.
 Molto si farà anche sul fronte del packaging con particolare attenzione ad imballaggi che prevedono l’utilizzo di materiali riciclati (60,7%).
La sostenibilità si declina anche sulla popolazione aziendale attraverso il mantenimento dell’equilibrio vita-lavoro (53,6%) e benefit (50%), oltre alla gender equality su cui punta il 46,4% delle imprese.
Volgendo lo sguardo alla sostenibilità in ambito nutrizionale il 53,6% delle aziende ritiene fondamentale comunicare, tramite l’etichetta, le certificazioni delle materie prime e gli ingredienti funzionali (50%).
Infine, l’attenzione agli sprechi attraverso la donazione delle eccedenze vede l’impegno del 46,4% delle aziende, le quali includono anche soluzioni di vendita alternative (35,7%) e l’utilizzo di piattaforme digitali per gli invenduti (26,9%).

I vincitori dei Food Social Impact Awards

Durante l'evento, sono stati consegnati quattro Food Social Impact Awards negli ambiti: Ambiente, Nutrizione, Persone e Retail.
Per la categoria Ambiente, è stato premiato il progetto No Label di Kraft Heinz per il brand Plasmon grazie all’eliminazione delle etichette degli omogeneizzati realizzati con il 100% frutta e un processo semplificato per la raccolta differenziata. I risultati: 12.000 kg di carta risparmiati in un anno, miglior gestione dello smaltimento.
ASdoMAR si aggiudica l’Award dedicato alla Nutrizione grazie alla riduzione dell’olio di oliva nella scatoletta di tonno per un prodotto più salubre e antispreco. Il progetto di Generale Conserve è nato nel 2019, il formato ottimizzato da 60 g è stato lanciato nel primo trimestre 2023 con l’obiettivo di mantenere il liquido di conservazione e incentivarne l’utilizzo come condimento dai consumatori: solo 8 gr di olio per scongiurare il possibile smaltimento scorretto dell’olio.
Il premio Persone è stato consegnato al Loacker Cocoa Farming Program per la collaborazione, il supporto e gli investimenti verso organizzazioni o cooperative in Costa d’Avorio ed Ecuador dedicate alla produzione di fave di cacao. Il programma ha sia incrementato la qualità e la produttività sia migliorato le condizioni socio-economiche degli agricoltori locali. Le persone coinvolte sono state formate su pratiche agronomiche sostenibili nonché sensibilizzate su l’empowerment femminile e il lavoro minorile. Inoltre, tra gli obiettivi futuri, Loacker mira ad utilizzare il 100% del cacao proveniente dal programma entro il 2030.
Per la categoria Retail, il riconoscimento a Retrobottega, l’idea di Prezzemolo & Vitale di Palermo di creare una comunità di produttori e consumatori virtuosa, circolare e cosciente per mangiare e bere in modo consapevole e sostenibile. L’iniziativa, sviluppata dal 2023, supporta i piccoli produttori a crescere sul territorio preservando le materie prime e l’eccellenza artigianale locale. Infatti, grazie alla consulenza commerciale e produttiva, alla scelta del packaging e alle attività promozionali - secondo linee guida sostenibili - l’obiettivo è raggiungere una distribuzione totale bio ed ecocompatibile, oggi al 20% delle referenze.

Immagine: atlascompany

RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: