Rovagnati continua a investire nel solare: in fase di avvio due nuovi parchi fotovoltaici

Rovagnati continua a investire nel solare: in fase di avvio due nuovi parchi fotovoltaici

L'azienda aumenterà l’autoproduzione di energia elettrica arrivando all’80% del fabbisogno

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

15

Febbraio
2024

A cura della Redazione F&T

Il piano di transizione energetica di Rovagnati prosegue aumentando gli investimenti in energia solare: è in fase di avvio il nuovo parco fotovoltaico dello stabilimento di Arcore e, entro il 2024, è previsto un ampliamento del parco già presente a Villasanta (MB).

Grazie a questi nuovi impianti la capacità di autoproduzione di energia elettrica di Rovagnati crescerà del 13%, arrivando quindi all’80% del fabbisogno elettrico aziendale.

Il nuovo parco fotovoltaico, che verrà inaugurato prossimamente andando ad aggiungersi a quelli di Villasanta, Felino, Sala Baganza e nell'Azienda Agricola Borgo del Sole, non è l’unico aspetto della transizione energetica di Rovagnati. L’azienda fa sapere che sta lavorando anche a un piano di efficientamento dei parchi caldaie che nel 2023 ha portato a una diminuzione stimata del consumo di gas metano del 5%.
Le attività relative alla transizione energetica rientrano nell’ambito di Rovagnati Qualità Responsabile (RQR), il programma ESG (Environmental, Social, Governance) con cui l’azienda si fa promotrice di uno sviluppo sostenibile dele attività aziendali.

"L’energia è un tema particolarmente strategico e complesso in questo momento per tutte le aziende, soprattutto per quelle trasformative come Rovagnati. Negli ultimi anni abbiamo attraversato un contesto macro economico complicato - commenta Gabriele Rusconi, Managing Director e Board Member di Rovagnati - che ci ha portati a compiere alcune scelte strategiche, anche in termini energetici. Ma al di là dei fattori congiunturali, Rovagnati vuole scommettere su una visione di lungo periodo e da anni investe in un processo di trasformazione industriale che passa da l’efficientamento energetico, la riduzione degli sprechi e il potenziamento delle fonti rinnovabili. Questi investimenti sono fondamentali per il nostro business come quelli in ricerca e sviluppo di prodotto".

RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: