Ridurre il sale negli alimenti: le nuove linee guida OMS

Ridurre il sale negli alimenti: le nuove linee guida OMS

Pubblicato "WHO Global Sodium Benchmarks for Different Food Categories"

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

19

Maggio
2021

Nel mondo, la maggior parte delle persone consuma il doppio dei 5g di sale giornalieri raccomandati dall'OMS, esponendosi a un rischio maggiore di malattie cardiache e ictus che, ogni anno, provocano la morte di circa 3 milioni di persone. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente pubblicato una nuova serie di parametri di riferimento globali per i livelli di sodio in oltre 60 categorie di alimenti che aiuteranno i Paesi a ridurre il contenuto di sodio.

WHO Global Sodium Benchmarks for Different Food Categories è la guida per i Paesi e l'industria utile a ridurre il contenuto di sodio in diverse categorie di alimenti trasformati.

Non dimentichiamo che in tutto il mondo, il consumo di alimenti trasformati è una fonte di sodio in rapido aumento e, a seconda del Paese in cui vengono acquistati, prodotti alimentari trasformati simili spesso contengono quantità diverse di sodio. I benchmark globali armonizzati dell'OMS mostrano così ai Paesi come possono progressivamente abbassare i loro target in base alle abitudini alimentari locali, e incoraggeranno l'industria ad abbassare di conseguenza il contenuto di sodio negli alimenti trasformati camminando più spediti verso l'obiettivo dell'OMS di una riduzione del 30% dell'assunzione globale di sale entro il 2025.

Appello alle industrie: "abbassare il livello di sodio negli alimenti"

"La maggior parte delle persone non sa quanto sodio consuma o i rischi che comporta - ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS -. Abbiamo bisogno che i Paesi stabiliscano politiche per ridurre l'assunzione di sale e forniscano alle persone le informazioni di cui hanno bisogno per fare le giuste scelte alimentari. Abbiamo anche bisogno che l'industria alimentare e delle bevande riduca i livelli di sodio negli alimenti trasformati. I nuovi parametri di riferimento dell'OMS offrono ai Paesi e all'industria un punto di partenza per rivedere e stabilire politiche per trasformare le abitudini alimentari e salvare vite umane".

I benchmark globali del sodio dell'OMS si rivolgono a un'ampia gamma di categorie di prodotti alimentari trasformati e confezionati che contribuiscono in modo significativo a diete eccessivamente salate. Pane trasformato e confezionato, snack salati, prodotti a base di carne e formaggi sono tra le categorie di prodotti alimentari ad alto contenuto di sodio identificate per i nuovi benchmark globali. La riduzione del contenuto di sodio riformulando gli alimenti trasformati è una strategia comprovata per ridurre l'assunzione di sodio della popolazione, in particolare nei luoghi in cui il consumo di alimenti trasformati è elevato. Nel Regno Unito, gli obiettivi volontari dei produttori di alimenti nella riformulazione delle ricette hanno ridotto l'assunzione di sale di circa il 15% tra il 2003 e il 2011.

I nuovi parametri di riferimento vengono lanciati dall'OMS in un anno decisivo per la politica alimentare e nutrizionale. The United Nations Food Systems Summit previsto a settembre, e The Nutrition for Growth Summit di dicembre convocheranno un'ampia platea di parti interessate con l'obiettivo di trasformare le filiere alimentari fornendo opportunità per gli sforzi nazionali, regionali e globali anche per limitare il sodio contenuto negli alimenti trasformati.

WHO Global Sodium Benchmarks for Different Food Categories

Photo by Karolina Grabowska


Condividi su: