Milano è la città più circolare d'Italia

Milano è la città più circolare d'Italia

Rete idrica efficiente, elevato livello di raccolta differenziata e alto fatturato delle vendite dell’usato alcuni indicatori al top. Catania e Palermo ultime

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

22

Settembre
2020

Il report Misurare gli obiettivi di economia circolare nei centri urbani, stilato dai ricercatori del CESISP - Centro studi in Economia e regolazione dei servizi, dell’industria e del settore pubblico dell’Università di Milano-Bicocca, afferma che Milano è la città più "circolare" d’Italia con un punteggio di 7,7 su 10. Seconda Trento (7,5), terza Bologna (7,2).
Le uniche città del Nord Italia a totalizzare un punteggio sotto la sufficienza sono Genova (5,8 punti), Verona (5,7 punti) e Aosta (5,2 punti).
Le ultime posizioni sono appannaggio di centri urbani del Sud, con Catania (3,8) e Palermo (3,9) ultime.

La seconda edizione della classifica dei centri urbani più virtuosi in economia circolare quest’anno ha presentato due novità: è stato realizzato un confronto a livello europeo, e le città coinvolte (Aosta, Bari, Bergamo, Bologna, Brescia, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Roma, Torino, Trento, Venezia e Verona), selezionate tra le più popolose d’Italia e i capoluoghi di regione che disponessero delle informazioni richieste dall’indagine, sono salite da 10 a 20.

I ricercatori hanno individuato cinque cluster rappresentativi: input sostenibili, condivisione sociale, uso di beni come servizi, end of life, estensione della vita dei prodotti, comprendenti a loro volta 28 indicatori di circolarità, tra cui i dati sulla raccolta differenziata e sull’utilizzo dei trasporti pubblici o dei servizi di sharing mobility, il livello di concentrazione di PM10, la diffusione di eco-brevetti e di imprese ascrivibili alla categoria dei green jobs.
Per ogni indicatore è stata stilata una graduatoria parziale delle città, con punteggi da 0 a 10. Infine, la media ponderata dei punteggi parziali ha determinato un indice di circolarità urbana, in base al quale è stata stilata la classifica finale.

Per i ricercatori, Milano si conferma al primo posto anche grazie a sistemi di trasporto pubblico ramificati e apprezzati, servizi avanzati di car sharing, rete idrica efficiente, elevato livello di raccolta differenziata e alto fatturato delle attività di vendita dell’usato.
Grande il divario ormai noto tra Nord e Sud, ma importante anche la differenza riscontrata tra Nord e Centro Italia. Le prime città del Centro sono Roma e Perugia che si classificano al 12° e 13° posto, con risultati sotto la sufficienza: 5,5 e 5,3.

Solo 8 città sulle 20 esaminate raggiungono la sufficienza piena, con differenze territoriali che rappresentano un ostacolo per la crescita dell’economia circolare in Italia.

Il CESISP ha messo a confronto Milano con altre grandi città europee: Amsterdam, Berlino, Bruxelles, Copenaghen, Londra, Madrid, Parigi e Praga. La città più circolare d’Europa è Copenaghen con un punteggio medio di 3,26 su 5. Al secondo posto Parigi (3,21), al terzo Berlino (3,18). Milano è quarta con un punteggio medio di 3,13, davanti a Londra e Madrid.

Ricordiamo che la Commissione Europea, presentando il Green New Deal lo scorso gennaio, ha messo l’economia circolare al centro delle nuove politiche europee necessarie per raggiungere gli obiettivi sottoscritti a Parigi nel 2015, e la sostenibilità è il tema cardine anche del Next Generation EU, il piano per la ripresa dell'Europa post Covid-19.


Condividi su: