Mense scolastiche: dal CREA menu green e bilanciati

Mense scolastiche: dal CREA menu green e bilanciati

NutriSUSfood rielabora 52 menu della ristorazione scolastica: via la carne rossa, tanti vegetali come ingredienti

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

01

Giugno
2021

I ricercatori del CREA Alimenti e Nutrizione, in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti (DIAG) della Sapienza Università di Roma, hanno rielaborato in un’ottica di sostenibilità ambientale e nutrizionale 52 menu scolastici italiani. Lo studio, pubblicato su Nutrients, è stato realizzato nell'ambito del progetto NutriSUSFood Nutritional security for healthy and SUStainable food consumption (Sicurezza nutrizionale per un consumo sano e sostenibile) e del knowledge hub europeo SYSTEMIC.

Il contesto  

Il gruppo di lavoro è partito dal paper pubblicato nel 2020 sulla modellizzazione della dieta italiana, per sviluppare un database che, integrando la banca dati dei consumi alimentari nazionali del CREA Alimenti e Nutrizione con i dati di composizione degli alimenti e quelli relativi all’emissione dei gas ad effetto serra, fosse in grado di attribuire ad ogni alimento un determinato valore di emissione di gas a effetto serra.
Sono stati raccolti 52 menu della ristorazione scolastica in Italia, un totale di 194 ricette: 70 primi, 83 secondi, 39 contorni, 1 porzione di frutta e 1 porzione di pane, sui quali è stata effettuata la scomposizione nutrizionale delle ricette e a ogni alimento è stato applicato il corrispettivo valore di CO2. Sui 194 piatti derivati da questo lavoro è stata applicata una tecnica di modellizzazione per la produzione di un menu tipo che coniughi adeguatezza nutrizionale e accettabilità, secondo i criteri delle Linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana del CREA, con ridotte emissioni di gas climalteranti. 

I risultati

Questo studio ha prodotto un menu "ideale" di quattro settimane caratterizzato da grandi componenti vegetali che sono state utilizzate non solo come contorni, ma anche come ingredienti nei primi e secondi piatti. Spesso sono inclusi i legumi e la pasta, e la carne bianca è selezionata al posto della carne rossa.
I risultati presentati in questo documento hanno dimostrato che è possibile progettare pasti rispettosi dell'ambiente e adeguati nutrizionalmente dai menu scolastici esistenti.
"Le combinazioni - spiega Laura Rossi ricercatrice e nutrizionista CREA Alimenti e Nutrizione, tra gli autori della pubblicazione - si caratterizzano per una forte componente vegetale, con una presenza importante di legumi, carni bianche e uova. La maggiore criticità riscontrata dal punto di vista nutrizionale è quella del contenuto di sale, dovuto a piatti come la pizza, per i quali si dovrebbe riformulare la ricetta in tal senso". 

Il modello matematico sviluppato in questo lavoro ha la potenzialità di essere completamente scalabile, facilmente aggiornabile e ampiamente utilizzabile in diversi contesti sia per scopi di progettazione o monitoraggio, sia per la raccolta di dati di ricerca.

The Promotions of Sustainable Lunch Meals in School Feeding Programs: The Case of Italy

Credits: CREA


Condividi su: