Lo stabilimento Findus di Cisterna di Latina ha l'impianto solare

Lo stabilimento Findus di Cisterna di Latina ha l'impianto solare

4.064 pannelli Gastrim produrranno 2.400 MWh di energia all’anno per l'autoconsumo. Stimato un risparmio di 1.200 t CO2

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

02

Agosto
2023

A cura della Redazione F&T

Un nuovo impianto solare da 2 MW nello stabilimento Findus, gruppo Nomad Foods, di Cisterna di Latina dove si produce l’85% dei volumi dell’azienda. L’impianto da 4.064 pannelli solari, per una superficie di 9.346 m2, è stato realizzato da Grastim JV e si integra con un impianto di trigenerazione a turbina da 5,5 MW, di proprietà Grastim.
I pannelli fotovoltaici produrranno circa 2.400 MWh di energia elettrica all’anno, la cui quasi totalità sarà assorbita dallo stabilimento in autoconsumo. In termini di impatto ambientale si stima una riduzione delle emissioni di CO2 pari a 1.180 tonnellate l’anno.

L’impianto solare è basato sull’installazione di pannelli fotovoltaici monocristallini di ultima generazione ed è composto da due sezioni: una realizzata su tetti a falda, per un totale di circa 1.200 kW; l’altra su strutture in carpenteria infisse nel terreno, per un totale di ulteriori 800 kW.

La formula di vendita è quella ESCo (Servizio Energia), per cui investimento, autorizzazioni, realizzazione e manutenzione sono totalmente a carico Grastim, che venderà energia elettrica al cliente finale. L’investimento è stimato sui 2,1 milioni di euro.

L’installazione del nuovo impianto a pannelli solari si inserisce in un percorso più ampio intrapreso da Findus per arrivare a una riduzione del 25% della CO2 entro il 2025 e un un piano di sostenibilità dello stabilimento di Cisterna di Latina, che conta 20 linee di produzione, 104 diverse referenze e oltre 70 di semilavorati, per un totale di 60mila tonnellate di prodotto finito e 20mila di semilavorato.

"Il nuovo impianto solare è un ulteriore tassello del nostro percorso di sostenibilità - ha commentato Antonio Cioffi, Direttore Tecnico dello stabilimento Findus di Cisterna di Latina - e conferma la nostra collaborazione ormai consolidata con Grastim: un progetto ambizioso che contribuirà a ridurre le emissioni dello stabilimento. Tra le altre iniziative messe in campo: l’efficientamento dell’impianto di refrigerazione; l’implementazione di processi alternativi di produzione per ridurre il consumo di vapore e metano e l’abbattimento dei consumi inutili durante il week end o nei fermi produttivi. Negli ultimi 5 anni sono stati investiti nello stabilimento circa 28 milioni di euro, triplicando gli investimenti rispetto al quadriennio precedente, di cui circa un 15% dedicato all’efficientamento idrico ed energetico".

Lo stabilimento di Cisterna di Latina è il primo sito del gruppo Nomad Foods ad essere dotato di energia solare. A seguito di ulteriori studi sull’efficienza energetica, il Gruppo è ora in fase di esplorazione per altri progetti di energia rinnovabile su tutti i propri siti produttivi, con l’intenzione di promuovere una decarbonizzazione diffusa nelle sue catene di approvvigionamento.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: