La sostenibilità di Tetra Pak

La sostenibilità di Tetra Pak

Dal 24° report: -39% le emissioni di gas serra. Da fonti rinnovabili l'84% dell'energia elettrica utilizzata. In Italia impegni per il recupero e il riciclo del PolyAl

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

13

Luglio
2023

A cura della Redazione F&T

Tetra Pak ha reso pubblica la 24° edizione del suo Report di Sostenibilità che rendiconta l’impegno dell’azienda in cinque aree interdipendenti: sistemi alimentari, circolarità, clima, natura e sostenibilità sociale.

Nel corso dell'anno 2022, Tetra Pak ha ridotto le emissioni operative di gas serra (GHG) del 39% [GHG Protocol scope 1, 2 e viaggi di lavoro], mentre l'84% dell'energia elettrica impiegata proviene da fonti rinnovabili [Aumento della capacità dell'azienda di autoprodurre energia da propri impianti fotovoltaici da 5,55 MW nel 2021 a 8,47 MW nel 2022].
In questo modo Tetra Pak è in cammino per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni per le proprie attività entro il 2030.
La vendita di 8,8 miliardi di confezioni realizzate con materiali da fonti vegetali e di 11,9 miliardi di tappi sempre da fonti vegetali si è tradotta in un risparmio di 131 tonnellate di CO2.

Nel 2022 sono state avviate a riciclo 1,2 milioni di tonnellate di confezioni. Insieme ai partner della Alliance for Beverage Cartons and the Environment (ACE), entro il 2030 Tetra Pak ha condiviso l’obiettivo di portare al 70% il tasso di riciclo di questa tipologia di confezioni all’interno dell’Unione europea.

La situazione in Italia

Dai recenti dati diffusi da Comieco, il Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica con cui Tetra Pak collabora dal 2003, apprendiamo che nel 2022 in Italia sono state avviate a riciclo circa 36.000 tonnellate di cartoni per bevande, equivalenti ad un tasso del 40%, in miglioramento rispetto all’anno precedente, in cui la percentuale si era attestata al 36,5%.
Per il 2023, si punta a incrementare ulteriormente questo dato, anche grazie al recente accordo firmato da Tetra Pak e Comieco con Iren Ambiente per promuovere una serie di attività legate al potenziamento della raccolta e del riciclo dei cartoni per bevande nel territorio emiliano.

In ottica di economia circolare a basse emissioni, Tetra Pak Italia conferma le partnership con Cartiere Saci e con il Gruppo Lucart, aziende capaci di valorizzare le fibre di cellulosa recuperate in nuovi prodotti in carta ad alto valore aggiunto.
Nel 2022 importante anche la nascita di Newpal, frutto della collaborazione tra CPR System e Lucart, che ha avviato una linea di produzione di pallet a base di PolyAl (la componente di plastica e alluminio del cartone per bevande) per la Grande Distribuzione.

In Italia, Tetra Pak collabora inoltre con Ecorevive ed Ecoplasteam, aziende specializzate nel riciclo di PolyAl. L’obiettivo di medio periodo è quello di arrivare a utilizzare l'intera capacità combinata delle due aziende, pari a 14mila tonnellate di PolyAl. In questo scenario si inserisce anche lo sviluppo, congiuntamente a Filoalfa (Gruppo Maip), di Alfapak3D, il filamento per la stampa 3D ottenuto dal riciclo di questa frazione.

Report sulla sostenibilità FY22 Tetra Pak →

RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: