L'UE lancia due nuove azioni One Health: lotta alla resistenza antimicrobica, prevenzione del cancro e di altre malattie non trasmissibili

L'UE lancia due nuove azioni One Health: lotta alla resistenza antimicrobica, prevenzione del cancro e di altre malattie non trasmissibili

Il fondo da 126 milioni proviene dal programma EU4Health

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

15

Febbraio
2024

A cura della Redazione F&T

La Commissione europea ha appena varato due grandi nuovi progetti a sostegno delle priorità dell'Unione europea sulla salute dei cittadini, degli animali e dell'ambiente.

Lotta alla AMR

La prima azione si concentra sulla resistenza antimicrobica e sulle infezioni associate all'assistenza sanitaria, una delle principali minacce per la salute al giorno d’oggi.
Il progetto mira a ridurre il rischio di esposizione dei cittadini a batteri resistenti agli antibiotici ed è sostenuto con 50 milioni di euro nell'ambito del programma EU4Health, il che lo rende la più grande azione finanziata dall'UE in materia di resistenza antimicrobica.
L'azione JAMRAI 2 riunisce tutti gli Stati membri dell'UE, oltre a Islanda, Norvegia e Ucraina, per lavorare in settori quali la prevenzione e il controllo delle infezioni, la sorveglianza e il monitoraggio, l'uso prudente degli antimicrobici, la sensibilizzazione e l'innovazione. In linea con l'approccio One Health necessario per affrontare la resistenza antimicrobica, l'iniziativa comprende attività relative alla salute animale e all'ambiente.

Prevenzione delle patologie non trasmissibil

La seconda azione congiunta si concentra sulla prevenzione del cancro e di altre malattie non trasmissibili, quali le malattie cardiovascolari, il diabete e la salute mentale. Sarà finanziata con 76 milioni di € dal programma EU4Health e riunirà le autorità nazionali di 22 Stati membri dell'UE, oltre a Norvegia, Islanda e Ucraina, al fine di ottimizzare gli sforzi.
L'azione congiunta PreventNCD costruirà inoltre un'infrastruttura europea globale per monitorare i fattori legati al cancro e ad altre malattie non trasmissibili, e si concentrerà sulla riduzione delle disuguaglianze sociali.

Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: "La resistenza antimicrobica è responsabile di oltre 35.000 decessi l'anno solamente nell’UE e costa ai nostri sistemi sanitari 11,7 miliardi di €. È necessario intensificare con urgenza le misure in Europa e in tutto il mondo per far fronte a questa minaccia, motivo per cui stiamo avviando oggi la più grande azione mai finanziata dall'UE in materia di resistenza antimicrobica per aiutare i Paesi a fare davvero la differenza sul campo. Le nostre azioni stanno inoltre aiutando i Paesi a migliorare la prevenzione e a ridurre il carico di malattia del cancro e di altre patologie non trasmissibili, sostenendo così le ambizioni del piano europeo di lotta contro il cancro e di altre iniziative fondamentali."

Fonte: italy.representation.ec.europa.eu
Photo by @8photo


RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: