Il miglior frantoio biologico al mondo è umbro

Il miglior frantoio biologico al mondo è umbro

Per il World’s Best Olive Oil vince il Poggiolo di Spoleto della famiglia Monini

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

05

Dicembre
2023

A cura della Redazione F&T

È italiano il miglior frantoio biologico al mondo. A certificarlo è il World’s Best Olive Oil, il ranking internazionale basato sulla somma dei punteggi ottenuti negli otto più importanti concorsi al mondo del settore extravergine, che incorona al primo posto nel segmento biologico il Frantoio del Poggiolo di Spoleto, di proprietà della famiglia Monini e centro sperimentale dell’azienda.
I concorsi monitorati, una sorta di Grande slam dell’extravergine a livello globale (EVOOLEUM, Expoliva, Mario Solinas Award, Ovibeja, ArgOliva, Leone d’Oro, SIAL Olive D’Or, Sol D’Oro), ha infatti stabilito il primato mondiale 2023 del Frantoio del Poggiolo, piccolo gioiello di Spoleto di proprietà della famiglia Monini, che qui sperimenta i propri metodi di produzione, realizzando una linea di Monocultivar biologici dal ricchissimo palmares.

Un risultato straordinario per l’olivicoltura made in Italy, ancora di più in un’annata contraddistinta da forti criticità climatiche.
Un risultato che è frutto di un percorso fatto di ricerca, investimento e passione, che ha portato gli extravergini frantoniani di Monini (Monocultivar Coratina, Frantoio e Nocellara) a scalare la classifica mondiale dell’olio: la Monocultivar Coratina è stato eletto 2° miglior extravergine biologico al mondo, mentre la Monocultivar Frantoio si è aggiudicato il 5° posto, confermando l'exploit dello scorso anno.

"Sappiamo di essere conosciuti dal grande pubblico come marchio industriale, termine che nel sentire comune stride con il concetto di artigianalità: in realtà - ha dichiarato Zefferino Monini, AD Monini - siamo un’azienda familiare che da tre generazioni crea olio extravergine cercando di applicare i migliori standard qualitativi in tutti i segmenti di prodotto, da quello del largo consumo come il Classico a piccole produzioni di nicchia come le Monocultivar, figlie del nostro Frantoio".
Il riconoscimento del World Best Olive Oil apre le porte, per l’azienda, a nuovi possibili scenari commerciali: "vorremmo portare le nostre monocultivar nelle più importanti insegne della distribuzione all’estero, dove - aggiunge Monini - crediamo che questo tipo di prodotto premium abbia buoni margini di crescita".

Le altre italiane

La classifica del World Best Olive Oil parla molto italiano, seppur sia quasi dominata dalla Spagna. Al quinto posto troviamo infatti il frantoio Miceli & Sensat in Sicilia, al settimo Masoni Becciu di Deidda Valentina in Sardegna, e al decimo Franci Snc in Toscana.
Bene anche Accademia Olearia srl, in Sardegna, al 18° posto, e Sud Italia Alimentari S.r.l. in Puglia al 22° posto.
Per il resto la classifica è un plebiscito spagnolo, ad eccezione dell’ottavo e nono posto croati (rispettivamente Opg Chiavalon e Orna d.o.o.) e del 22° posto tunisino di Huilerie Bashir Jarraya.

Fonti: ilsole24ore.com, greenme.it
Foto: monini.com/it/il-frantoio


RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: