Il G20 per la global tax e il clima

Il G20 per la global tax e il clima

Si è concluso ieri all'Arsenale di Venezia il G20 Economia a presidenza italiana

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

12

Luglio
2021

Manca ancora l'adesione di sette Paesi, tra cui Irlanda, Ungheria ed Estonia, all'accordo per una più equa tassazione internazionale, ma i Paesi del G20 di Venezia che hanno approvato la riforma rappresentano il 90% del Pil mondiale, situazione che mette sicuramente in un angolo chi ancora fa resistenza per continuare a sfruttare i vantaggi di essere un paradiso fiscale.

L’accordo definitivo sulla tassa minima globale dovrebbe essere sancito al G20 di ottobre sulla base del documento concordato in sede Ocse che prevede:

  • per le multinazionali con un fatturato superiore a 20 miliardi (un centinaio in tutto), la tassazione dei profitti, se superano il 10% dei ricavi, nei Paesi dove operano per una quota tra il 20 e il 30%
  • per le multinazionali, anche quelle del settore alimentare, con un fatturato di almeno 750 milioni di euro i profitti saranno tassati a un’aliquota minima del 15%.

Questa tassazione dovrebbe ridurre la convenienza delle multinazionali a inviare gli utili nei paradisi fiscali dato che i Paesi che applicano un prelievo inferiore (per esempio l’Irlanda, il 12,5%) dovranno restituire la differenza (2,5 punti, nell’esempio) ai Paesi dove la multinazionale vende beni e servizi.

Dopo l'accordo sulla global tax il G20 ha gettato le fondamenta per la futura conferenza Cop26 di novembre, mettendo il tema in testa all'agenda.

“La centralità della crescita sostenibile e la necessità di accelerare gli investimenti verdi e gli interventi per una transizione equa e inclusiva, inclusi i meccanismi per conseguire un prezzo del carbonio adeguato alla emissioni” sono le indicazioni emerse dalla Conferenza internazionale sul cambiamento climatico, organizzata dal Ministero dell’Economia e dalla Banca d’Italia, a margine del G20.

La Conferenza - è scritto in un comunicato diffuso al termine - ha fornito un notevole contributo al dibattito sulle politiche per la decarbonizzazione e sul ruolo dei mercati finanziari nel gestire rischi e opportunità della transizione.

Photo Credits: Joseph Costa


Condividi su: