Il CREA costruisce

Il CREA costruisce "Agrobridges" per sostenere la filiera corta

Il progetto vuole generare ponti fra produttori e consumatori e soddisfare la richiesta di cibo locale di qualità

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

08

Settembre
2021

Connettere produttori agroalimentari, alla costante ricerca di nuove leve competitive per i loro prodotti, e consumatori, sempre più attenti alla sostenibilità alimentare, sociale e ambientale. Questo obiettivo lo vuole raggiungere Agrobridges grazie a ricerca, innovazione, tecnologia, network e formazione. Il progetto H2020 dell'Unione europea, infatti, mira a fornire agli agricoltori conoscenze pratiche e supporto per rafforzare la loro posizione nel mercato e aumentare il reddito, attraverso nuovi modelli di business e marketing basati sulla filiera corta, in grado di ridurre le distanze fra il campo e la tavola e di soddisfare la richiesta di cibo locale, sicuro e di qualità. Con l’aggiunta di benefici economici, sociali e ambientali in un’ottica di sviluppo sostenibile.
Il CREA, unico partner italiano del progetto, ha il compito di identificare gli indicatori di sostenibilità economica, sociale e ambientale da utilizzare per la creazione di modelli di business più attenti all’ambiente e alla società.
Il Consiglio Nazionale per la Ricerca in Agricoltura, inoltre, grazie alla sua rete di competenze, è responsabile delle azioni di collegamento con altri progetti europei che si occupano di filiera corta e di sistema della conoscenza e innovazione in agricoltura (AKIS).

Agrobridges, in virtù di un approccio inclusivo, prevede una forte interazione con il territorio, grazie alla creazione di reti agroalimentari regionali, le MAP - Multi-Actor Platform, composte da produttori, consumatori, associazioni, distributori, rivenditori, università, enti pubblici e consulenti. L’obiettivo finale è di fornire un toolbox contenente materiali di comunicazione, programmi di formazione, un sistema di supporto decisionale per scegliere il modello di business più sostenibile, e strumenti digitali che collegano consumatori, produttori e distributori per la consegna intelligente.

I sedici partner europei
CREA - Council for Agricultural Research and Economics (Italy); Q-PLAN INTERNATIONAL (Greece); TEAGASC - Agriculture and Food Development Authority(Ireland); Fruitvegetables EUROPE(Belgium); Teknologian tutkimuskeskus VTT Oy (Finland); Wageningen University (Netherlands); Institute of Technology Tralee (Ireland); Food & Bio Cluster Denmark (Denmark); Fundación Corporación Tecnológica de Andalucía CTA (Spain); Unimos Foundation (Poland); VEGEPOLYSVALLEY (France); Sabri Ulker Foundation (Turkey); Rezos Brands Agrifood Company (Greece); Rezos Brands Agrifood Company (Greece); Sustainable Innovations Europe (Spain); Hub Madrid SL (Spain).


Agrobridges.EU →


Condividi su: