Il bando per il fotovoltaico è in dirittura d'arrivo

Il bando per il fotovoltaico è in dirittura d'arrivo

1,5 miliardi di euro per installare pannelli sui tetti degli stabilimenti agricoli e agroalimentari

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

21

Febbraio
2022

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha reso noto che sarà pubblicato entro il 31 marzo, nel rispetto delle scadenze fissate al primo trimestre 2022 per l'attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il bando per accedere ai finanziamenti della Componente 2.1 per la misura Parco Agrisolare, a cui sono dedicate risorse pari a 1,5 miliardi di euro.

L'obiettivo del bando è sostenere gli investimenti per la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica in ambito agroalimentare, escludendo totalmente il consumo di suolo.

L'intervento prevede, infatti, l'installazione di pannelli fotovoltaici sulle coperture degli edifici ad uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale, puntando a raggiungere l'installazione di pannelli fotovoltaici su una superficie complessiva pari a 4,3 milioni di mq per 0,43 GW.

Le domande del bando, fa sapere il MiPAAF in una nota, saranno gestite dal GSE, il Gestore dei servizi energetici interamente partecipato dal Ministero dell'economia e delle finanze, alla quale è attribuito l'incarico di promozione e sviluppo delle fonti rinnovabili e dell'efficienza energetica.
Il GSE è stato indicato dal Ministero quale attuatore della linea di intervento PNRR, con cui si sta predisponendo una convenzione pubblico-pubblico che consentirà di avviare subito le operazioni di attuazione dei programmi fotovoltaici le cui domande avranno ricevuto parere favorevole.

Il MiPAAF manterrà il ruolo di punto unico di contatto con il Servizio centrale per il PNRR e avrà la responsabilità in tema di supervisione complessiva dell'intervento, in ognuna delle diverse fasi di attuazione dei progetti, oltre che in materia di gestione dei flussi finanziari.


Condividi su: