Grano bio: i risultati di BioDurum

Grano bio: i risultati di BioDurum

Il CREA ha presentato i processi innovativi dei sistemi cerealicoli biologici per la qualità e la sostenibilità della filiera

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

01

Dicembre
2020

Sono stati resi pubblici lo scorso 26 novembre, durante un convegno online, i risultati di "BioDurum - Rafforzamento dei sistemi produttivi del grano duro biologico italiano", finanziato dal MiPAAF e coordinato dal CREA, con la partecipazione della FIRAB (Fondazione italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica) e di diverse imprese del settore.
Il progetto, che ha affrontato le priorità individuate dal "Piano strategico nazionale per lo sviluppo del sistema biologico", ha definito processi innovativi per i sistemi cerealicoli biologici, in particolare quelli meridionali basati sul frumento duro, al fine di garantire un reddito adeguato alle aziende della filiera, la qualità effettiva dei prodotti, la tutela dell’ambiente e la gestione sostenibile delle risorse.

Il progetto

Dal 2017 al 2020, ricercatori, tecnici e imprese agricole, in un’ottica di condivisione della conoscenza e di trasferimento tecnologico, hanno attivato una rete di aziende pilota per analizzare criticità, sperimentare innovazioni e segnalare esigenze specifiche a cui il progetto ha fornito risposte sia con soluzioni agronomiche mirate sia con nuovi (e vecchi) genotipi selezionati proprio per i sistemi colturali biologici.

"Il progetto - ha spiegato il coordinatore Massimo Palumbo, dirigente di ricerca CREA Cerealicoltura e Colture Industriali - ci ha permesso di elaborare specifiche indicazioni per rendere sempre più competitiva e sostenibile la cerealicoltura bio, soprattutto al Sud, condividendole e sviluppandole con tutti gli attori della filiera. Tra le innovazioni più rilevanti, vorrei sottolineare quelle riguardanti le scelte varietali, le possibilità offerte dall’agricoltura digitale e gli strumenti per la valutazione oggettiva della sostenibilità delle aziende bio".

I risultati
  • Individuazione di nuovi genotipi di grano duro (varietà, vecchie popolazioni e miscugli) idonei ai sistemi colturali bio; le nuove varietà di grano duro selezionate dal CREA in Puglia e in Sicilia per la cerealicoltura biologica hanno mostrato rese e qualità superiori alle varietà già esistenti.

  • Messa a punto di “BioDurum_MCA”, per valutare la sostenibilità delle aziende cerealicole biologiche: si tratta di uno strumento informatico, basato sull’integrazione di due software (Excel e DEXi), sviluppato insieme alle aziende del settore, che prende in esame numerosi indicatori di ordine agroambientale, economico e sociale, per poter valutare in modo scientifico i sistemi produttivi già esistenti e le possibili strategie di cambiamento, al fine di selezionare le opzioni più sostenibili.

  • Diffusione di importanti innovazioni nel settore della meccanizzazione (con la sperimentazione presso gli agricoltori della seminatrice SEMINBIO, messa a punto e brevettata dal CREA per favorire il controllo delle erbe infestanti) e della agricoltura digitale con nuove tecnologie per la salvaguardia della fertilità del suolo, come la valutazione dello stato di salute delle colture mediante l’utilizzo di droni e il sistema di mappatura dei suoli realizzato attraverso una tecnologia di rilevamento basato sulla conducibilità geoelettrica.

  • Definizione di percorsi agronomici e sistemi colturali ad elevato grado di diversificazione, capaci di sostenere produzioni e qualità e di fornire miglioramenti agroambientali, come gli avvicendamenti con colture emergenti, quali canapa industriale e colture proteaginose, leguminose soprattutto.

Adesso preme che si realizzi il vantaggio per tutto il sistema produttivo trasferendo questo patrimonio tecnologico alla filiera. Mai come questa volta è necessario "metterlo a terra".

Credit: CREA


Condividi su: