G20 Ambiente: Cina e India non accettano gli obiettivi

G20 Ambiente: Cina e India non accettano gli obiettivi

Parte dei fondi post-Covid al clima, aiuti ai Paesi poveri. Ma i super inquinatori rifiutano accordo su riscaldamento e decarbonizzazione

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

26

Luglio
2021

"Per la prima volta il G20 ha riconosciuto l'interconnessione tra clima, ambiente, energia e povertà: non era un passaggio scontato, finora erano settori considerati separati". Così il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, nel corso della conferenza stampa del G20 su Ambiente, Clima ed Energia a Napoli.
Ma vediamo gli elementi più significativi del Documento composto di sette pagine e di venticinque articoli approvato il 23 luglio 2021, giorno conclusivo del G20 Ambiente:

  • destinare una quota rilevante dei fondi per il post-pandemia alla lotta alla crisi climatica
  • cooperare per la diffusione delle rinnovabili e dell'efficienza energetica
  • aiutare i Paesi più poveri nella transizione ecologica
  • mantenere l'Accordo di Parigi come un punto fermo
  • continuare a sforzarsi per rispettare i suoi target sul riscaldamento globale.

Nel documento in 58 punti vengono riaffermati gli impegni dell'Accordo di Parigi come il vincolo che dovrà condurre fino alla COP26 di Glasgow a novembre. Obiettivo comune è mantenere la temperatura al di sotto dei 2 gradi e a proseguire gli sforzi per limitarla a 1,5° al di sopra dei livelli preindustriali.

I Paesi del G20 concordano nell'aumentare gli aiuti ai Paesi in via di sviluppo: rimane centrale il ruolo dell'impegno finanziario da 100 miliardi, così come previsto dall'Accordo di Parigi. C'è un impegno alla cooperazione nell'impiego e nella diffusione di tecnologie rinnovabili. L'efficienza energetica ha un ruolo chiave, come pure l'idrogeno.

Viene data un'importanza centrale a orientare gli sforzi finanziari ed economici dei Paesi del G20 verso gli obiettivi dell'Accordo di Parigi, tenendo conto degli sforzi per sradicare la povertà, verso una transizione giusta e inclusiva. Gli investimenti in energie rinnovabili e tecnologie a basse emissioni sono ritenuti un'opportunità per la crescita economica. I G20 si impegnano a destinare una quota ambiziosa dei fondi per i piani nazionali di ripresa e resilienza post-Covid a favore di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

Gli investimenti in ricerca e sviluppo devono essere orientati a un mix energetico più sostenibile, efficienza energetica, modelli di produzione e consumo sostenibili. Si favorisce una collaborazione attiva e continua con le città e le aree metropolitane. Si ribadisce l'urgente necessità di promuovere una mobilità sostenibile e conveniente, comprese tutte le relative infrastrutture. Si incoraggia il progresso continuo nell'uso estensivo e negli investimenti delle tecnologie digitali nei conglomerati urbani. Vengono sostenute la generazione distribuita sostenibile locale e le comunità energetiche.

Le noti dolentissime

Anche India e Cina si sono impegnati a eliminare gradualmente la produzione di energia dal carbone, ma non accettano la data del 2025 proposta da Stati Uniti e Presidenza italiana. I due Paesi non accettano neppure di impegnarsi sull'obiettivo di mantenere il riscaldamento netto 1,5°C al 2030, altra proposta di USA e Italia, accolta dagli altri Stati. Sono questi i due punti sui quali non c'è stato accordo unanime nel documento finale e che sono stati rinviati al G20 dei capi di Stato e di governo di Roma a ottobre 2021. Quindi nessuna data per l’uscita dal carbone e neppure un impegno concreto a rimanere sotto la soglia di 1,5°C di riscaldamento globale. Insomma per gli obiettivi da raggiungere "C’è un disallineamento sull’accelerazione - ha spiegato il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani - più difficile per i Paesi più grandi" che sono tra quelli, guarda caso, che inquinano di più.
Così bisogna registrare che dopo due giorni di intense trattative fra i "grandi", l'appuntamento dedicato a clima, energia e ambiente è terminato con un nulla di fatto proprio sui due nodi capaci di indirizzare il futuro del pianeta e di tutti noi.


Condividi su: