Differenti tecnologie analitiche per lo screening dei contaminanti chimici negli alimenti

Differenti tecnologie analitiche per lo screening dei contaminanti chimici negli alimenti

Francesca Diana di Tecna si è soffermata su gli immunosaggi per contaminanti chimici, sui test lateral flow, sull'ELISA e sulle caratteristiche dei test Array

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

21

Ottobre
2019

Tratto dall'intervento di Francesca Diana, Responsabile del laboratorio di Ricerca e Sviluppo EurofinsTecna

I punti di controllo lungo la filiera alimentare sono diversi e differenti sono le necessità delle aziende. Queste differenze possono influenzare la scelta di un kit rispetto ad un altro. Ad esempio, per alcune tipologie di aziende sono sufficienti poche analisi, mentre in altre realtà si analizzano quantità importanti di campioni.

Il numero di campioni è uno dei parametri in base al quale scegliere determinate tipologie di kit, oltre alla rapidità, alla facilità d’impiego e costi contenuti.

Immunosaggi per contaminanti chimici
Si tratta di test da campo, rapidi e semplici. Possono essere qualitativi o quantitativi, adatti per analizzare un numero medio basso di campioni, hanno un costo per analisi contenuto.

Test lateral flow: sviluppo del saggio
Una strip è composta da diverse componenti ciascuna delle quali ha una funzione molto importante: il sample pad (punto in cui si applica il campione e deve permetterne l’assorbimento completo) e il conjugate pad (a livello del quale viene legato il tracciante). Lungo il flusso vengono incontrate la Linea T (di test), la Linea C (di controllo) e l’adsorbent pad che deve assicurare un flusso continuo e uniforme lungo tutta la strip. Anche la scelta del formato è importante, così come l’identificazione dell’anticorpo idoneo per specificità, sensibilità e rapidità.


Test ELISA: caratteristiche
Sono test rapidi, di semplice utilizzo e automatizzabili. Sono quantitativi, adatti per analizzare un numero medio/alto di campioni. Il costo per analisi dipende dal numero di campioni.
Lo sviluppo del saggio comporta l’identificazione dell’anticorpo idoneo (per specificità, sensibilità, rapidità, precisione e accuratezza), la stabilizzazione dei componenti, la messa a punto di una preparativa del campione semplice, applicabile a più contaminanti.

Test Array: caratteristiche
Si tratta di un test multi-analitico, con modalità di esecuzione simile all’ELISA. È un test quantitativo adatto per analizzare un numero basso/medio/alto di campioni. È automatizzabile.
Lo sviluppo del saggio comporta l’individuazione degli anticorpi idonei, la selezione dei reagenti e del formato del saggio, l’individuazione delle condizioni di spotting e di saggio multiparametrico.

Per saperne di più tecna.eurofins-technologies.com/home-it/


Condividi su: