Decreti sementi-OGM fermati alla Camera

Decreti sementi-OGM fermati alla Camera

La Commissione Agricoltura blocca i decreti Bellanova: alle NBT si applicano le norme esistenti per gli OGM

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

14

Gennaio
2021

Ieri, nel delirio dell'avvio della crisi di Governo, sono stati votati i pareri condizionati dalla Commissione Agricoltura della Camera ai decreti del Ministero delle Politiche Agricole e Alimentari, che avrebbero portato un'apertura illegittima agli OGM tradizionale e "nuovi", le ormai famose NBT-New Breeding Techniques, e decretato l'impossibilità per gli agricoltori di svolgere attività quali il reimpiego delle sementi o lo scambio di parte del raccolto come sementi o materiale di moltiplicazione.

Le organizzazioni agricole biologiche e contadine, le associazioni di tutela ambientale e dei consumatori* si erano mobilitate, e, grazie al sostegno dei membri della Commissione Agricoltura della Camera, i decreti non sono passati

Peraltro, proprio ieri la Ministra Teresa Bellanova ha rassegnato le sue dimissioni e il futuro Ministro che si insedierà al MiPAAF sarà chiamato a seguire i vincoli posti dai pareri espressi alla Camera. In tutti si chiede il rispetto della sentenza della Corte europea di Giustizia che ha stabilito che alle NBT si applicano senza eccezioni o deroghe le norme oggi esistenti per gli OGM, unitamente allo stralcio dei riferimenti relativi agli OGM nei decreti in esame, a conferma che l'Italia è un Paese libero da OGM.

Le organizzazioni agricole e le associazioni ambientaliste e dei consumatori si impegnano a "monitorare le decisioni del MiPAAF, affinchè sia rispettata la volontà democratica espressa alla Camera".

* Acu; Aiab; Altragricoltura Bio; Ari; Asci; Ass. Agr. Biodinamica; Civiltà  Contadina; Coord. Zero OGM; Crocevia; Deafal; Égalité; European Consumers; European Coordination Via Campesina; Fair Watch; FederBio; Firab; Greenpeace; Isde; Legambiente; Lipu; Navdanya; Pro Natura; Slow Food; Terra!; Unaapi; Wwf. 

Foto: Umberto Battaglia


Condividi su: