Siccità: Coldiretti chiede ancora il piano invasi

Siccità: Coldiretti chiede ancora il piano invasi

La cabina di regia del Governo e il Commissario sono operativi da più di un anno. Senza risultati. E nel 2023 si è registrato un calo della disponibilità idrica del 18%

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

14

Maggio
2024

A cura della Redazione F&T

Lo scorso anno è sparito in Italia un litro d’acqua su cinque con un calo della disponibilità idrica del 18%. Questo taglio pesa su coltivazioni e stalle, dove manca foraggio e acqua per gli animali in un inizio 2024 che si è classificato come il più caldo di sempre. La temperatura, infatti, è superiore di 1,84 gradi alla media storica. Sta in questi numeri l'ennesimo allarme lanciato da Coldiretti in occasione dell’incontro a Palazzo Rospigliosi a Roma organizzato con Anbi e Fondazione Univerde, nell’ambito della premiazione del concorso fotografico "Obiettivo Acqua".
All’incontro erano presenti, tra gli altri, il Presidente di Coldiretti Ettore Prandini e il Segretario generale Vincenzo Gesmundo, assieme a Luca De Carlo, Presidente Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Senato, Francesco Vincenzi, Presidente Anbi, Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente Fondazione Univerde, Nazario Palmieri, Generale Comandante Carabinieri Tutela Forestale e Parchi.

In Sicilia agricoltori in ginocchio

La situazione è grave al Sud: ingenti i danni causati dalla mancanza d’acqua alle coltivazioni e nelle stalle dove gli allevatori sono sempre più in difficoltà a garantire l’alimentazione degli animali, con i pascoli bruciati e i pozzi secchi per l’assenza di pioggia. In Sicilia il Governo ha decretato lo stato di emergenza.
Negli invasi siciliani mancano complessivamente circa 670 milioni di metri cubi d’acqua (-68%), ma soprattutto si è ben 145 milioni sotto al precedente record negativo, registrato nel siccitoso 2017.
Ci sono aree dell’isola dove dall’autunno scorso è caduto il 70% in meno di pioggia rispetto alla media storica secondo dati del Servizio informativo agrometeorologico siciliano (Sias).
Ad essere in difficoltà sono tutti i comparti, ma a soffrire di più sono gli allevamenti. Nelle zone interne non si riesce più a garantire l’alimentazione delle vacche e delle pecore. Dopo i danni alla raccolta delle arance, la siccità sta devastando anche il grano, con cali in alcune zone che arrivano al 70% del raccolto.

Situazione critica in Puglia

Pozzi artesiani a secco anche in Puglia dove sono in sofferenza alberi da frutti, orti e stalle in cui manca il foraggio compreso quello per il fasciato, il fieno umido utile ai cavalli. E sul grano si stima un calo tra il 20% e il 30% con la situazione più difficile che si registra in provincia di Foggia. Un problema per l’intera produzione nazionale considerato che la Puglia rappresenta tradizionalmente il Granaio d’Italia.
Secondo l’analisi Coldiretti la mancanza di pioggia ha comportato una perdita di acqua per gli invasi pari a 118 milioni di metri cubi di acqua. La Puglia, evidenzia Coldiretti, ha il triste primato nazionale di essere la regione d’Italia dove piove meno ma quando piove l’acqua non viene raccolta per la mancanza di invasi.

Danni in Basilicata e Sardegna

Danni anche in Basilicata dove il persistere della mancanza di pioggia che ha colpito le coltivazioni di cereali, durante la fase di fine accestimento, levata, botticella, spigatura, fioritura e le coltivazioni foraggere. Richiesto lo stato di calamità da Coldiretti Basilicata e il 16 maggio è stato convocato un tavolo dalla Regione per contrastare una situazione drammatica. r
Grave siccità anche in Sardegna, dove le zone più colpite sono la Baronia, la bassa Gallura e l’Ogliastra e l’intero Sud dell’isola. Oltre ai danni alle coltivazioni di cereali, frutta e ortaggi, gli allevatori sono in difficoltà ad abbeverare gli animali con gli invasi gravemente in deficit. In tutte le regioni interessate la crisi idrica ha determinato un calo drastico nelle rese di foraggio verde nei pascoli, con l’aggravio dei costi per l’acquisto di mangimi necessario a garantire l’alimentazione degli animali nelle stalle, già in rialzo anche a causa dell’attuale crisi per i conflitti in Ucraina e in Israele

Un piano invasi per raccogliere l’acqua piovana

Una situazione drammatica dinanzi alla quale la Coldiretti rilancia la proposta di un piano invasi con pompaggio che richiede da anni. Ma anche il Governo amico della Meloni purtroppo non si è mosso pur trattandosi di un "progetto immediatamente cantierabile per una rete di bacini di accumulo".
I laghetti, spiega Coldiretti, sarebbero realizzati senza cemento, con pietra locale e con le stesse terre di scavo con cui sono stati preparati, per raccogliere la pioggia e utilizzarla in caso di necessità. "L’obiettivo è raddoppiare la raccolta di acqua piovana - spiega il presidente della Coldiretti Ettore Prandini - garantendone la disponibilità per gli usi civili, per la produzione agricola e per generare energia pulita idroelettrica, contribuendo anche alla regimazione delle piogge in eccesso e prevenendo il rischio di esondazioni. Fondamentale in tale ottica il recupero degli invasi già presenti sul territorio attraverso un’opera di manutenzione. Ma dinanzi agli effetti sempre più dirompenti dei cambiamenti climatici occorre anche sviluppare soluzioni di agricoltura 4.0, dagli strumenti di precisione all’intelligenza artificiale - conclude Prandini - che solo per l’irrigazione consentono una riduzione del consumo di acqua stimata tra il 30% e il 40%".

Immagine: storyset

RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: