"Bio strategico, investiamo in ricerca e innovazione"

Così la Ministra Bellanova che fa il punto su un settore florido e sui bandi in arrivo

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

25

Novembre
2020

"Il biologico italiano ha saputo, nel corso degli anni, guadagnare spazi di mercato sempre più rilevanti, sfruttando le possibilità offerte dai diversi canali commerciali, raggiungendo nel 2019 la cifra record di 3,3 miliardi di euro, con un 4% di incidenza sul totale della spesa per l'agroalimentare". Così la Ministra Teresa Bellanova al B/Open Digital Edition organizzato da Veronafiere, intervenendo al focus Green Deal, la corsa al bio.

A monte della filiera, bisogna anche sottolineare che gli ultimi dati SINAB mostrano che le superfici agricole dedicate al bio sono cresciute del 79% negli ultimi 10 anni, raggiungendo oggi il 15,8% dell'incidenza di superficie bio sulla SAU totale. Grazie a questo, l'Italia si trova in una posizione privilegiata nel percorso delineato dal Green Deal europeo tenuto conto che la media comunitaria di incidenza del bio è pari all'8%.
Di più: l'Italia è prima in Europa per numero di operatori, con oltre 80.000 aziende bio.

"Oggi - puntualizza Bellanova - ci troviamo al termine dell'orizzonte temporale fissato dal Piano Strategico Nazionale per il Biologico del 2016. Molto è stato fatto, dal momento che entrambi gli obiettivi allora fissati possono dirsi sostanzialmente raggiunti: aumento del 50% della SAU coltivata a biologico tra il 2014 e il 2020 (da 1.367.912 ha nel 2014 a 1.993.236 ha nel 2019) e, per gli stessi anni, incremento del fatturato del mercato bio del 30%. Risultati rilevanti che vanno sottolineati."

Per Bellanova quello del bio è un comparto di strategica rilevanza per tutta l'agricoltura italiana che "può e deve contribuire in maniera determinante al raggiungimento degli obiettivi del Green Deal e delle connesse strategie Farm to Fork e Biodiversità".

Il Ministro ha ricordato le misure di sostegno al settore, come l'istituzione delle mense bio per tutte le scuole di ogni ordine e grado, con 5 milioni di euro stanziati anche quest'anno, e finalizzati ad attività di promozione ed educazione ma soprattutto ad abbassare il costo dei pasti biologici a carico delle famiglie.

Ma uno dei punti su cui il MiPAAF ha investito di più "è quello della ricerca e l'innovazione: è ormai prossima la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del nuovo bando per la ricerca in agricoltura biologica del valore di 4 milioni e 200 mila euro. Tra i punti qualificanti del bando troviamo l'obbligo di coinvolgere le aziende agricole sin dall'inizio dei progetti, perché l'innovazione deve essere prontamente trasferibile al settore e non rimanere nei cassetti dei ricercatori o negli archivi ministeriali".

Da sottolineare che grazie a un ulteriore finanziamento di 1 milione e 600mila euro, è stato possibile dare avvio a undici nuovi progetti transnazionali nell'ambito dello strumento europeo Core OrganicCofund finalizzati allo sviluppo di sistemi alimentari più sostenibili dalla produzione al consumo".

Photo by Heather Ford


Condividi su: