Anticipi PAC: 2,4 miliardi di euro per sostenere l'agricoltura e renderla più rispettosa dell'ambiente

Anticipi PAC: 2,4 miliardi di euro per sostenere l'agricoltura e renderla più rispettosa dell'ambiente

1,700 miliardi assegnati ai pagamenti diretti e 700 milioni allo sviluppo rurale

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

19

Ottobre
2023

A cura della Redazione F&T

Sono state avviate le procedure di pagamento degli anticipi PAC per l'anno 2023 il cui valore complessivo ammonta a 2,4 miliardi di euro, inserendosi nella dotazione finanziaria della Politica Agricola Comune 2023-2027 già dal primo anno dalla sua implementazione.
Ricordiamo che il monte capitale dell'attuale PAC rappresenta una grande immissione di soldi per la filiera agricola italiana: saranno distribuiti ben 37, 5 miliardi di euro in cinque anni.
Si tratta di una cifra considerevole, che speriamo sarà ben utilizzata.

"Oggi immettiamo liquidità per 722.000 aziende con 2,4 miliardi e contiamo, entro il 30 giugno, di poter arrivare a 7 miliardi", così il ministro dell'Agricoltura Francesco Lollobrigida, intervenendo alla conferenza stampa al MASAF sugli anticipi dei pagamenti PAC con AGEA, l'Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura.

Gli anticipi, che arriveranno a un totale di 722.000 beneficiari, hanno l'obiettivo di sostenere il reddito degli agricoltori e rilanciare gli investimenti nel settore agricolo.

"AGEA vuole dare risposte trasparenti e puntuali, seguite da azioni concrete per accompagnare gli addetti ai lavori nel percorso di accesso alle misure di sostegno assegnate all'Italia dall'Unione Europea", ha sottolineato il Direttore dell'AGEA Fabio Vitale nel corso della conferenza stampa. "Le risorse che interesseranno il settore nell'arco temporale 2023-2027 consentiranno di affrontare, in maniera sistemica, sfide importanti relative a interventi che riguardano transizione ecologica e digitale, equità, competitività e diversificazione".
L'erogazione dei 2,4 miliardi di euro seguirà una precisa tabella di marcia per tutti gli Organismi Pagatori del Paese e inciderà positivamente sul valore aggiunto dell'intero comparto agricolo, corrispondente a circa 37 miliardi di euro (fonte: ISTAT, Andamento dell'economia agricola, anno 2022).

AGEA, in prima battuta, in qualità di Organismo Pagatore procederà al versamento di circa 1 miliardo e 450 milioni di euro di anticipi, secondo la seguente suddivisione temporale:

  • Anticipi Pagamenti Diretti (16 ottobre - 30 novembre): circa 1 miliardo di euro per 426.000 domande;
  • Anticipi Sviluppo Rurale (16 ottobre - 30 novembre): circa 450 milioni di euro per le circa 100.000 richieste arrivate.

I settori principali che ne beneficeranno

  • Sostegno di base al reddito degli agricoltori, per un maggiore equilibrio tra sostenibilità ambientale e redditività economica
  • sostegno diretto al reddito agricolo (sui primi 14 ettari per aziende sino a 50 ettari)
  • sostegno ai giovani agricoltori
  • promozione di pratiche agricole sostenibili e rispettose dell'ambiente (eco-schemi) destinate a tutelare ambiente, biodiversità e benessere degli animali
  • sostegno accoppiato per determinate tipologie di colture (frumento duro, soia, riso, pomodoro da trasformazione, barbabietola da zucchero, semi oleosi, agrumi, olio di oliva e piante proteiche)
  • aiuti e interventi dello sviluppo rurale per superfici e animali: biologico, integrato e zone svantaggiate.

Photo by Hans

RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: