UE: Ministri Agricoltura chiedono misure anticrisi. Subito

UE: Ministri Agricoltura chiedono misure anticrisi. Subito

Dichiarazione congiunta dei 27: "serve risposta comune mettendo in moto tutte le misure previste dalla Politica Agricola Comune". Dal latte alla frutta, dalla verdura al vino, subito gli aiuti

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

17

Aprile
2020

Attivazione immediata dell'aiuto allo stoccaggio dei prodotti alimentari e di tutte le misure anticrisi previste dalla Politica Agricola Comune UE. lo chiedono alla Commissione europea i ministri dell'agricoltura dell'Unione con una dichiarazione congiunta. Nel testo si chiede "una risposta europea forte e coordinata che dimostri a tutti i cittadini il ruolo vitale che gli agricoltori e il settore agroalimentare devono svolgere nella risposta al Covid-19".

I ministri sono tornati a sollecitare interventi sul mercato da parte della Commissione "per tutti i settori vulnerabili", facendo seguito alle richieste già presentate al commissario all'agricoltura Janusz Wojciechowski in teleconferenza il 25 marzo. I ministri, si legge nella dichiarazione, "notano con preoccupazione l'emergere degli impatti della crisi del Covid-19 nel settore agroalimentare, che sono già significativi nel caso di alcuni comparti". Inoltre, continua la dichiarazione, i 27 "ritengono che gli impatti a medio e lungo termine potrebbero essere potenzialmente gravi e di lunga durata per gli agricoltori europei, per l'industria alimentare e per l'economia rurale". Per questo, chiedono l'attivazione piena e da subito degli strumenti anticrisi previsti dalla PAC, l'ampliamento immediato di tutte le forme di flessibilità già varate dalla Commissione, con contributi agli anticipi degli aiuti "più elevati" e con "date più ravvicinate" per la loro erogazione.

I prezzi del latte alla stalla sono in discesa da diverse settimane, le produzioni di frutta e verdura sono alle prese con la penuria di manodopera e i produttori di vino, soprattutto a marchio DOP, nei giorni scorsi hanno denunciato le conseguenze "drammatiche" della chiusura dei canali della ristorazione.


Condividi su: