PSA: rischi da allevamenti suini all’aperto

PSA: rischi da allevamenti suini all’aperto

L'EFSA propone misure di biosicurezza e controllo per le zone dell'UE colpite dalla peste suina africana

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

10

Giugno
2021

L'allevamento all'aperto di maiali è comune nell'UE. Tuttavia, denuncia l'EFSA in una nota, non esiste una legislazione a livello europeo che categorizzi tale tipo di allevamenti, per cui le informazioni sono limitate, non armonizzate tra loro e da interpretare con attenzione. 

Il gruppo di esperti scientifici EFSA sulla salute e il benessere degli animali ha concluso che gli allevamenti di suini all'aperto comportano un rischio notevole di introdurre e diffondere la PSA, ritenendo però che l'installazione di robuste recinzioni singole o di recinzioni doppie in tutti gli allevamenti di suini all'aperto nelle zone dell'UE in cui è presente la PSA potrebbe ridurre tale rischio almeno del 50%.
Inoltre l'attuazione di valutazioni in termini di biosicurezza complete e obiettive in allevamento e l'approvazione di allevamenti suini all'aperto sulla base del rispettivo rischio di biosicurezza ridurrebbero ulteriormente il rischio di introduzione e diffusione della malattia. Le valutazioni effettuate sul sito dell’allevamento sono uno strumento efficace non solo per migliorare la biosicurezza, ma anche per affrontare questioni zootecniche più ampie.

L'EFSA è dell’avviso che le deroghe alle attuali restrizioni sull'allevamento di suini all'aperto nelle zone interessate da PSA possano essere prese in considerazione caso per caso, una volta attuate tali misure e altre misure specifiche di biosicurezza.

Ricordiamo che l’Unione Europea ha mantenuto la Sardegna nella fascia più restrittiva per il controllo sulla peste suina africana, la zona di restrizione III come da Regolamento 2021/605 con il divieto di esportare i salumi non sottoposti a trattamenti per inattivare il virus della PSA, cioè cottura e lunga stagionatura

Il parere scientifico dell'EFSA si basa su evidenze raccolte da enti veterinari nazionali, associazioni di agricoltori e letteratura scientifica: è stata effettuata un'elicitazione della conoscenza di esperti (EKE) per classificare gli allevamenti di suini all'aperto in base al loro rischio di introdurre e diffondere la PSA, onde classificare le misure di biosicurezza in base alla loro efficacia, e proporre migliorie.

EFSA: Scientific opinion on African swine fever and outdoor farming of pigs


Condividi su: