Progetto FAO da 17 milioni per salvare raccolto cereali in Ucraina

Progetto FAO da 17 milioni per salvare raccolto cereali in Ucraina

Lo finanzia il Giappone, garantirà lo stoccaggio di grano e l'export

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

06

Luglio
2022

Un progetto da 17 milioni di dollari per aiutare gli agricoltori ucraini a salvare il prossimo raccolto cerealicolo di luglio e agosto, garantendo al contempo l’esportazione di beni agricoli critici verso i mercati internazionali. Il progetto è della FAO, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, è finanziato dal Giappone e attuato congiuntamente con il Ministero delle politiche agrarie e dell’alimentazione dell’Ucraina.

L'obiettivo è ripristinare la capacità di stoccaggio del grano e la funzionalità delle catene di approvvigionamento dal raccolto all’esportazione, oltre a mantenere la capacità produttiva degli agricoltori ucraini per consentire produzioni future continue.

Ricordiamo che l’Ucraina è uno dei primi cinque esportatori mondiali di grano, fornendo oltre 45 milioni di tonnellate di grano all’anno al mercato globale. Secondo il Ministero della Politica agraria e dell’alimentazione dell’Ucraina, a causa del blocco dei porti del Mar Nero, il Paese ha ancora 18 milioni di tonnellate di cereali e semi oleosi raccolti lo scorso anno nei magazzini in attesa di essere esportati. Percorsi ferroviari e fluviali alternativi non possono compensare le esportazioni perse dovute al trasporto marittimo e alle strozzature lungo nuove potenziali catene di approvvigionamento che devono ancora essere risolte.

Questa stagione l’Ucraina prevede di raccogliere fino a 60 milioni di tonnellate di grano. Ma la mancanza di esportazioni non consente di avere spazio di stoccaggio disponibile per il nuovo raccolto, dal momento che il 30% della capacità disponibile dei granai rimane ancora riempito con il raccolto dell’anno scorso.

"Nell’ambito del nuovo progetto finanziato dal Giappone, la FAO affronterà il deficit di stoccaggio fornendo le maniche in polietilene per il grano, i macchinari per il carico e lo scarico del grano ai piccoli proprietari e una varietà di contenitori modulari per lo stoccaggio ai produttori e alle associazioni di medie dimensioni. Sarà fornito sostegno agli agricoltori nell’est, nel centro, nel sud e nel nord del paese", ha spiegato Pierre Vauthier, capo dell’Ufficio nazionale della FAO per l’Ucraina.
Il progetto fornirà supporto tecnico al governo per rendere operative vie di trasporto alternative per l’esportazione di grano. La struttura, inoltre, consentirà agli agricoltori di soddisfare gli standard internazionali, compresi i test e la certificazione veterinaria e di sicurezza alimentare.

Foto: fao.org


Condividi su: