Prassi igieniche e procedure HACCP, comunicazione della Commissione UE

Prassi igieniche e procedure HACCP, comunicazione della Commissione UE

L'obiettivo è armonizzare i requisiti dei sistemi di gestione della sicurezza alimentare

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

22

Settembre
2022

La Commissione europea ha pubblicato la Comunicazione 2022/C 355/01 volta a facilitare e armonizzare l’applicazione dei requisiti in materia di corrette prassi igieniche (GHP) e di procedure basate sui principi del sistema HACCP, nell’ambito dei sistemi di gestione per la sicurezza alimentare (FSMS).

Il documento, che sostituisce la Comunicazione 2016/C 278/01, non è giuridicamente vincolante; tuttavia può diventare uno strumento utile sia per gli Operatori del Settore Alimentare (OSA) al fine di chiarire alcuni concetti applicativi della normativa UE sulla sicurezza alimentare, sia per le Autorità competenti (AC) al fine di promuovere una comprensione comune dei requisiti vigenti. I principali argomenti sono:

  • la normativa vigente e le relazioni, all’interno di un sistema di gestione della sicurezza alimentare, tra GHP, programmi di prerequisiti (PRP), PRP operativi (PRPop), procedure basate sull’HACCP, manuali di corretta prassi e norme internazionali
  • l’applicazione delle GHP e delle procedure basate sull’HACCP
  • la flessibilità nell’applicazione delle GHP e delle procedure basate sull’HACCP nelle differenti tipologie di stabilimento, tenendo conto della natura dell’attività e delle dimensioni dell’impresa
  • gli audit nell’ambito dei sistemi di gestione per la sicurezza alimentare.

In questa comunicazione viene sviluppato ampiamente il tema dell’introduzione della flessibilità nell’applicazione delle GHP e HACCP poiché è importante tenere conto delle differenze, in termini di rischio, a seconda della natura dell’attività che si svolge in un determinato stabilimento alimentare; ad esempio: vendita al dettaglio di alimenti preimballati rispetto alla vendita al dettaglio che prevede un’ulteriore manipolazione degli alimenti, differenza tra un’attività complessa di fabbricazione/trasformazione e una semplice, quale il magazzinaggio/trasporto.

Per garantire la proporzionalità degli oneri amministrativi, è possibile semplificare alcuni requisiti, come la documentazione e la tenuta delle registrazioni nelle piccole imprese, rispetto a quelle più grandi che svolgono lo stesso tipo di attività.

Sono inoltre presenti sette appendici di approfondimento pratico rivolte sia agli OSA, che alle AC.
Comunicazione 2022/C 355/01 →

Fonte e immagine: ceirsa.org


Condividi su: