Piano Nazionale Benessere Animale 2022

Piano Nazionale Benessere Animale 2022

Il Ministero della Salute ha pubblicato il nuovo PNBA con le modifiche rispetto al piano 2021

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

21

Luglio
2022

Il PNBA 2021, individuato con nota n. 4011 del 16/02/2021-DGSAF-MDS-P (disponibile qui →) ha portato, rispetto alle edizioni precedenti, diverse innovazioni e ha avviato un processo di rinnovamento dell’organizzazione dei controlli ufficiali in allevamento. Ad oggi, con il proseguire dei lavori del gruppo di lavoro Ministero/Regioni/II.ZZ.SS. e dopo circa un anno di applicazione del Piano 2021, il Ministero della Salute ravvisa la necessità di introdurre puntuali modifiche, di seguito riportate, al fine di ottimizzare l’efficienza del sistema controlli.

Redistribuzione delle quote di selezione degli allevamenti e criteri di categorizzazione del rischio

Gli allevamenti definiti "intensivi" e "non intensivi" nel PNBA 2021 vengono con il presente Piano identificati rispettivamente dalle diciture "allevamenti di grandi dimensioni" e "allevamenti di piccole dimensioni". Ferme restando le altre modalità di distribuzione dei controlli stabilite nel PNBA 2021 per le diverse specie o categorie animali, vengono modificate le percentuali di selezione degli allevamenti da individuare in base a:

  • categorizzazione del rischio 60%
  • casuale 5%
  • regionale (ex discrezionale) 35%.

Le prime due quote, rischio e casuale, verranno individuate e rese disponibili in un elenco fornito dal sistema ClassyFarm; mentre la quota regionale (che nel PNBA 2021 era definita "quota discrezionale") rimane individuata dalle stesse regioni tenendo conto dei criteri di selezione suggeriti nell’allegato 5 del PNBA 2021.
La quota casuale dovrà essere indentificata in via prioritaria e successivamente verranno estratti gli elenchi delle altre due quote.
La categorizzazione del rischio, calcolata sul sistema ClassyFarm in base a criteri generali e specie-specifici, viene inoltre effettuata su base territoriale locale (ASL) e non più su base regionale.
I sopralluoghi volti alla verifica della risoluzione delle non conformità sono esclusi dalle quote sopracitate.
Lo schema sintetico di quanto fin qui esposto viene riportato nell’allegato 1.

Risulta indispensabile che dalla quota regionale vengano esclusi (salvo altri motivi di selezione) tutti gli allevamenti già controllati negli ultimi tre anni per gli allevamenti suini e cinque anni per tutte le altre specie (ciò al fine di garantire il controllo di tutti gli allevamenti suini entro il 2023 e di tutti quelli delle altre specie in un periodo di massimo nove anni).

In merito a quanto riportato nel PNBA 2021 ove si prevede che "le Regioni (attraverso un loro referente), in caso di particolari condizioni, come ad esempio chiusure di allevamenti, comunicheranno a ClassyFarm le eventuali variazioni apportate dai servizi veterinari territoriali, rispetto alle popolazioni da controllare stabilite a inizio anno…omissis", si specifica che le due finestre temporali utili all’invio di tali variazioni sono esclusivamente l’ultima settimana di aprile dell’anno oggetto di controllo e la prima settimana di gennaio dell’anno successivo a quello di verifica.

Con riferimento al piano taglio coda suini, considerato che nell’anno 2020 i controlli sono stati ridotti a causa delle restrizioni connesse alla pandemia da COVID 19 e che, nell’anno 2021, i criteri di selezione degli allevamenti controllabili sono stati modificati con conseguente incremento della popolazione da controllare, nella quota regionale degli anni 2022 e 2023 dovranno essere inseriti tutti gli allevamenti suini rimasti fuori dai controllati negli ultimi tre o quattro anni, in modo da garantire di raggiungere nell’anno 2023 il 100% degli allevamenti controllati. Tale previsione dovrà essere perseguita dalle Regioni con una adeguata progressione nel tempo. A riguardo la scrivente Direzione effettuerà una periodica valutazione dello stato di avanzamento di tali controlli durante l’anno con eventuale invio alle Regioni e P.A. di un sollecito volto all’implementazione dei controlli.

In merito ai criteri di categorizzazione del rischio nel sistema ClassyFarm si fa anche presente che si sta continuando a lavorare alla possibilità di raccolta di informazioni da macelli industriali di suini, al fine di valutare l’andamento del piano nazionale (taglio coda) per l’adeguamento al D.Lgs. 122/2011. Gli ulteriori criteri di categorizzazione del rischio saranno basati sul rilievo di lesioni nei suini alla visita post mortem. A riguardo verrà programmato un numero definito di partite da valutare per ogni macello suino in relazione ai volumi di macellazione. Maggiori indicazioni operative verranno fornite con una specifica nota.

Modifica allegato 2 del PNBA 2021

L’allegato 2 del PNBA 2021 viene aggiornato come riportato nell’allegato 2 della presente nota.

Controlli congiunti per PNBA e Farmacosorveglianza

In accordo anche con l’Ufficio 4 della scrivente Direzione, la categorizzazione del rischio per il piano benessere viene messa a confronto con quella per il piano farmacosorveglianza, in modo da individuare una quota di allevamenti ad alto rischio per entrambi i settori; in questi allevamenti, evidenziati dal sistema ClassyFarm, è possibile, a discrezione delle Regioni, effettuare una programmazione di controllo congiunto per i Piani benessere e farmacosorveglianza, assegnando ai servizi veterinari competenti un unico sopralluogo (ispezione o audit), che vada a valutare la conformità per entrambi i settori.

Controlli in allevamenti con unico codice aziendale

Viene stabilito che, se nella quota annuale assegnata in base al rischio viene individuato solo uno degli allevamenti presenti all’interno di un determinato codice aziendale, è compito delle Regioni e delle P.A. (o dei servizi veterinari territoriali) controllare anche gli altri allevamenti (della stessa specie) appartenenti ai diversi proprietari presenti all’interno della medesima unità epidemiologica, utilizzando la quota di selezione regionale e inserendo in Vetinfo - sezione Controlli, una check list distinta per ogni proprietario. Analogo comportamento deve essere seguito nel caso in cui, per un unico proprietario, siano presenti diversi detentori.
Se i sopralluoghi effettuati su un unico codice aziendale, forniscono lo stesso esito per diversi proprietari/detentori, nel sistema informativo Vetinfo-Controlli è possibile usufruire della funzionalità "duplica inserimento" (riferito alla possibilità di duplicare i contenuti di una check list già compilata). A riguardo si ricorda ai veterinari ufficiali che la duplicazione dei dati nelle varie check list, benché automatica per questioni di praticità, deve essere sempre verificata e adeguata all’allevamento di riferimento prima della sua validazione e caricamento definitivo sul sistema Vetinfo-Controlli.

Modifica e aggiornamento cruscotti Vetinfo statistiche e ClassyFarm

I cruscotti "Vetinfo statistiche" vengono modificati e aggiornati in seguito alla formalizzazione del presente PNBA 2022, in modo da permettere di visualizzare i controlli programmati ed effettuati, suddivisi nelle diverse quote (rischio, casuale, regionale).

I cruscotti "ClassyFarm" vengono aggiornati in modo da permettere di visualizzare le verifiche da remoto programmate ed effettuate, distinte dai controlli in loco.
La nuova distribuzione dei cruscotti verrà impostata in base a quanto riportato nell’allegato 3.
Allegato 1 →
Allegato 2 →
Allegato 3 →


Photo by Ehrecke


Condividi su: