Patuanelli:

Patuanelli: "Decreto contro pratiche sleali aiuterà sul prezzo del latte"

Così il Ministro delle Politiche Agricole in Sardegna. "Messaggio di speranza ai produttori"

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

15

Giugno
2021

"La vertenza latte è un tema centrale in Sardegna. Intendo dare un messaggio di speranza e ottimismo ai produttori sardi perché tutelando le nostre distintività avremo la capacità di evitare l'omologazione dei nostri prodotti".
Dopo una visita alle realtà produttive dell'Oristanese e alla cooperativa lattiero-casearia 3A di Arborea, il ministro delle Politiche Agricole e Alimentari Stefano Patuanelli, con la viceministra per lo Sviluppo economico Alessandra Todde, ha tenuto una conferenza stampa in una saletta dell'aeroporto di Cagliari-Elmas e, fra i temi toccati, c'è stato il prezzo del latte, per il quale i pastori sardi sono di nuovo sul piede di guerra. Patuanelli ha ribadito l'attenzione del Governo a questo tema, come a tutti i problemi legati alla remunerazione delle produzioni, e se da un lato ha confermato la volontà di chiarire le cause dei ribassi, dall'altra ha sostenuto con forza la necessità di promuovere la filiera che parte dalla materia prima e arriva al prodotto finito e commercializzato non sacrificando un passaggio a favore dell'altro.

"Molte cose devono essere sistemate - ha spiegato Patuanelli - e penso che anche il Decreto legislativo sulle pratiche sleali che fissa livelli di prezzo sotto i quali scatta l'indagine, potrà essere tutelante per i produttori. Di certo non si può continuare in un mercato in cui il costo di produzione è superiore a quello del prezzo riconosciuto, e su questo deve essere raggiunto un grande impegno di filiera in cui ognuno deve fare la sua parte".

Della 3A di Arborea Patuanelli ha sottolineato la capacità "di svilupparsi nel tempo mantenendo intatta la qualità dei suoi prodotti, e grazie alla tecnologia avanzata e all'enorme capacità produttiva possiamo definirla un'avanguardia a tutti gli effetti, sia a livello nazionale che europeo".

Filiera e PNRR

Circa il legame della filiera agroalimentare sarda con il PNRR, Patuanelli ha puntualizzato che "Ci sono 800 milioni sul settore della logistica e per quanto riguarda i contratti di filiera, 1,2 miliardi nel piano complementare, penso poi agli strumenti di supporto al reddito agrario".
In generale, ha ricordato il Ministro, "abbiamo davanti una grande sfida che è quella di utilizzare le risorse dei prossimi anni destinandole dove c'è più bisogno e dove si può trarre maggior valore con la consapevolezza che un prodotto agroalimentare per il nostro Paese significa tradizione, cultura e turismo, e dare risposte a territori".
"Arborea - ha concluso Patuanelli - rappresenta un po' tutto questo: con i territori e gli amministratori cercheremo di costruire percorsi di rafforzamento di questo sistema".

Foto: ANSA


Condividi su: