Nutriscore: per Patuanelli è un

Nutriscore: per Patuanelli è un "sistema idiota"

"In UE ribalteremo i banchi per bloccare questa assurdità"

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

06

Aprile
2021

A proposito dell'etichettatura nutrizionale a semaforo, si inserisce, con molto vigore, nel solco tracciato da Teresa Bellanova, il Ministro Stefano Patuanelli: "Non batteremo solamente i pugni a Bruxelles ma ribalteremo i banchi per contrastare l'idiota meccanismo dell'etichetta a semaforo. Non ho altro modo per definire il Nutriscore, che è semplicemente la volontà di condizionare le abitudini alimentari in modo sbagliato". Così il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali intervenuto al summit della Coldiretti.

"Il Nutriscore non ha una volontà informativa - ha affermato Patuanelli - ma attraverso un marketing che funziona perfettamente, perché è una simbologia che esiste in tutti i Paesi, mette a rischio la nostra produzione e non tiene in conto del valore della Dieta Mediterranea".

Secondo il Ministro "va declinato in questi termini il pericolo del Nutriscore che previlegia i cibi iper lavorati e quindi è un pericolo anche rispetto ai temi ambientali. Ma può anche rappresentare quella chiave con cui aprire la porta ai cibi sintetici che è impensabile abbiano una priorità perchè metterebbero davvero a rischio il nostro settore primario". E in conclusione: "posso dirvi che grazie a un sano lobbismo contro il Nutriscore, anche per la Coldiretti che sta lavorando con le sue omologhe degli altri Paesi, si stanno aprendo degli spiragli: il dibattito si sta alzando di livello e ritengo che ci sia una buona prospettiva per bloccare questa assurdità".

Photo "Nesquik All Natural" by Nestlé is licensed under CC BY-NC-ND 2.0


Condividi su: