Le imprese digitalizzate sono anche più green

Le imprese digitalizzate sono anche più green

Ricerca Politecnico Milano: solo il 34% delle PMI può definirsi "digitally mature"

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

31

Marzo
2021

Le imprese digitalmente più mature sono anche più virtuose rispetto ai temi ambientali. A evidenziarlo è una ricerca dell'Osservatorio Innovazione Digitale nelle PMI del Politecnico di Milano, a cui ha partecipato la software house di Pesaro, TeamSystem.

Secondo l'indice di "maturità digitale" elaborato dalla ricerca su un campione di 500 aziende, in Italia solo il 34% delle PMI può definirsi digitally mature, ossia, con un elevato grado di maturità, mentre, l'11% è pronto a diventarlo. Il restante 55% si divide in aziende che possono definirsi digitally immature (23%), carenti dal punto di vista dell'innovazione digitale, e process-oriented (32%), impegnate verso la digitalizzazione di base dei processi, ma meno pronte culturalmente.

In questo quadro, un incremento del 10% nel Digital Maturity Score è associato a un incremento tra il 6% e il 7,9% nell'indice di sostenibilità, calcolato tramite l'interrelazione tra gli interventi fatti in ottica sostenibile e la varietà di azioni introdotte.

Nel complesso quasi il 30% delle PMI ha fatto investimenti in sostenibilità legati alla produzione di beni o servizi, e il 28% ha allocato un budget sulle tecnologie per il rispetto dell'ambiente, mentre, il 26% si è focalizzato sulla sede di lavoro.
"Ci troviamo tutti di fronte a una sfida di portata storica - commenta il CEO di Teamsystem, Federico Leproux - e non sono più rimandabili strategie di ampio respiro che mirino a conciliare la sostenibilità ambientale con l'innovazione, seguendo peraltro quelle che sono le due principali linee guida del Next Generation EU".

Foto: mise.gov.it


Condividi su: