La colazione degli italiani: latte per gli uomini, yogurt per le donne. Ma tutti a casa

La colazione degli italiani: latte per gli uomini, yogurt per le donne. Ma tutti a casa

Le dedichiamo 15 minuti durante la settimana e mezz’ora nel weekend, meglio se in famiglia

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

12

Maggio
2022

L'Osservatorio Nestlé ha recentemente condotto un'indagine sulla prima colazione* fatta (oppure saltata) dagli italiani che restituisce molti dati interessanti. Intanto è un'abitudine alimentare di molti ma non di tutti:  7 intervistati su 10 fanno colazione ogni mattina senza mai saltarla, i rimanenti 3 dichiarano di non farla mai. E sono soprattutto i giovani di 18/24 anni i meno coinvolti in questa routine.

Leggera, veloce e fra le mura domestiche

L'indagine si interroga su com’è cambiata, negli ultimi anni, la colazione in Italia, e i dati del panel indicano queste risposte: è più leggera 42%, più veloce 32% e più casalinga. La colazione ideale, infatti, si fa nella propria abitazione per il 92%. Sembra così essere diventata di controtendenza la colazione fatta al bar, praticata da una minoranza (8%), contro circa l’11% evidenziato da una ricerca del 2019.
Chi fa colazione in casa ama farlo in famiglia, il 65%, soprattutto per il target dai 25 ai 54 anni, mentre il 33%, rappresentato dai più giovani e dai più senior, preferisce dedicarsi a questo rito in completa solitudine.
Per il 74% degli italiani, il tempo dedicato alla colazione durante la settimana è tendenzialmente di 15 minuti. Durante il weekend i tempi si dilatano e il 50% prolunga questo rito facendolo durare mezz’ora. Ma qui è da sottolineare che sono i più adulti, quelli fra 55 e 64 anni, ad avere maggiormente fretta e a dedicare meno di 15 minuti alla colazione (83%).

Cosa mangiamo?

Dalla ricerca emerge che è difficile scardinare le abitudini degli italiani: contro il tè (22%), regna sovrano ancora il caffè (68%), che con latte (39%) e biscotti (56%) costituisce ancora la colazione abituale. Caffè e latte, insieme a yogurt (39%), frutta fresca (37%) e miele (30%) sono anche gli alimenti ritenuti maggiormente adatti ad una colazione ottimale in termini di apporto nutrizionale. A questi alimenti si sono ormai aggiunti i cereali (36%). Anche se in minoranza, continuiamo ad amare il cornetto, 29%, e non perdiamo l’abitudine di spalmare il pane di marmellata (31%) ma meno di burro (10%).
Il latte piace più agli uomini per il 46% che alle donne 35%, perché queste ultime preferiscono lo yogurt (42%). Ma proprio accanto al mondo del latte, si affacciano nuovi orientamenti e cioè le alternative vegetali come le bevande di soia, di riso o di avena, per l’8%, da leggersi in ogni caso come una tendenza in crescita.
Il consumo di creme spalmabili e frutta fresca risulta maggiore fra i giovani di 18/24 anni (31%) rispetto ai più adulti.
I più giovani sono inoltre amanti, oltre che della frutta fresca, del tè (29%) e dei cereali (44%).

Finalmente si torna a bere acqua a colazione (55%), e sorprende che siano soprattutto gli uomini (59%) rispetto alle donne, generalmente più consapevoli di una corretta idratazione, secondo un precedente studio Nestlé.
Infine abbiamo incrementato a colazione il consumo di cibi come arance, limoni e kiwi, per il contenuto di vitamina C, aumentati del 33%, e abbiamo introdotto il miele, circa il 19% in più rispetto agli ultimi due anni.

* Osservatorio Nestlé "La Colazione degli italiani", studio commissionato da Nestlé a Toluna su un campione di 2.000 persone dai 18 ai 64 anni, rappresentativo della popolazione italiana

Photo by @gionsnow


Condividi su: