La birra va di nuovo a tutta... birra

La birra va di nuovo a tutta... birra

Ma nel settore restano le preoccupazioni per i rincari di materie prime ed energia

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

08

Luglio
2022

La produzione di birra nel 2021 ha raggiunto quota 17,6 milioni di ettolitri, superando, anche grazie alle esportazioni, i livelli raggiunti nel 2019 (17,3 milioni di ettolitri) e quelli del 2020 (15,8 milioni di ettolitri): sono i numeri rassicuranti emersi oggi a Roma durante l'incontro Torna il piacere di condividere una birra che ha visto la presentazione dell'Annual Report AssoBirra 2021. I dati del rapporto registrano che "i consumi toccano i 20,8 milioni di ettolitri, non ancora a livelli 2019, ma superiori alle cifre del 2020 (18,9 milioni di ettolitri)".

Anche l'export ha ripreso quota, con volumi pari a 3,8 milioni di ettolitri, superiori a quelli del 2019 (3,5 milioni) e del 2020 (3,3 milioni) con la conferma del gradimento della birra made in Italy in Paesi a forte tradizione birraria, come il Regno Unito che accoglie il 46,9% delle birre esportate, gli Stati Uniti (8,6%) e l'Australia (6,4%).

Assobirra segnala, un calo dell'import rispetto al periodo pre pandemico, con 7 milioni di ettolitri nel 2021 rispetto ai 7,4 milioni del 2019.

In occasione della presentazione del rapporto AssoBirra ha lanciato la nuova campagna, sviluppata su diversi touch-point di comunicazione per supportare la categoria, raccontando diverse occasioni di consumo e ponendo la birra al centro di diversi momenti di socialità delle persone.
Il pay-off Birra, il gusto che sta bene con tutto presenta la birra, spiega l'associazione in una nota, come "la bevanda da pasto per eccellenza dal gusto inconfondibile che esalta, non solo i sapori ma anche i momenti della vita, da vivere in compagnia".

L'Associazione dei Birrai e dei Maltatori nel presentare il documento economico, nonostante i risultati positivi, ha evidenziato che il report fotografa un "comparto birrario italiano in ripresa ma che rischia, però, di essere compromesso dalla sfida dei rincari di materie prime e costi energetici".


Condividi su: