L'olio di palma rende i tumori più aggressivi

L'olio di palma rende i tumori più aggressivi

Uno studio pubblicato su Nature dimostra che l'acido palmitico favorisce la crescita delle cellule tumorali e aumenta la diffusione di metastasi

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

22

Novembre
2021

Ancora l'olio di palma nella lente di ingrandimento dei ricercatori: un gruppo di scienziati dell’IRB Istituto per la Ricerca Biomedica di Barcellona, ​​​​in Spagna, ha scoperto come una dieta ricca di acido palmitico, uno degli acidi grassi dell’olio di palma, favorisce la crescita delle cellule tumorali e aumenta la diffusione delle metastasi. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Nature, è stato condotto sui topi, e ha mostrato che l’acido palmitico produce una serie di cambiamenti nelle cellule tumorali, che ottengono una maggiore capacità metastatica anche mesi dopo l’esposizione, fenomeno descritto dagli scienziati come un fattore memoria.
Lo studio, effettuato sui topi, ha scoperto che l’acido palmitico promuove le metastasi nei tumori della bocca e della pelle.

"C’è qualcosa di molto speciale nell’acido palmitico - ha spiegato il professor Salvador Aznar-Benitah, dell’IRB - che lo rende un promotore estremamente potente di metastasi."

Gli studiosi hanno osservato che le cellule tumorali diventavano più aggressive anche se l’esposizione a questo acido grasso era avvenuta durante una fase iniziale della malattia.
Lo studio si è basato su un precedente lavoro degli stessi ricercatori che mostrava che all’interno di un tumore, solo un piccolo sottoinsieme di cellule ha la capacità di diffondersi raggiungendo e colpendo altri organi. Queste cellule cancerose sembravano veicolate in modo particolare dagli acidi grassi e l’ultimo lavoro ha ristretto il campo all’acido palmitico, che si trova nell’olio di palma.
Al contrario, il consumo di acido oleico o acido linoleico presenti rispettivamente nell’olio d’oliva e nei semi di lino, non ha prodotto lo stesso effetto negativo sulle cellule.
Pertanto, secondo i ricercatori, l’aumentata aggressività delle cellule tumorali è dovuta alle modificazioni epigenetiche che si verificano a causa del consumo di acido palmitico.

"Questa scoperta - ha dichiarato Gloria Pascual, una delle autrici dello studio - apre nuove strade per la ricerca e lo sviluppo di terapie mirate specificamente a prevenire le metastasi del cancro, che è quasi sempre la causa della mortalità".
"Penso comunque - ha puntualizzato Salvador Aznar-Benitah - che sia troppo presto per determinare quale tipo di dieta potrebbe essere consumata dai pazienti con cancro metastatico che rallenterebbe il processo metastatico."

Dietary palmitic acid promotes a prometastatic memory via Schwann cells →

Photo: irbbarcelona.org


Condividi su: