L'agricoltura biodinamica esce dalla legge sul biologico

L'agricoltura biodinamica esce dalla legge sul biologico

Accolto l'emendamento contro l'equiparazione delle tecniche biodinamiche a quelle biologiche

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

09

Febbraio
2022

L'agricoltura biodinamica esce dalla proposta di legge sulla "tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell'acquacoltura con metodo biologico".
L'Assemblea di Montecitorio ha approvato alla quasi unanimità due emendamenti identici di Riccardo Magi (+Europa) e della Commissione che eliminano dal testo l'equiparazione dell'agricoltura biodinamica, e i relativi finanziamenti pubblici, a quella biologica.

La tutela della agricoltura biodinamica era entrata nel testo, all'articolo 1, durante l'esame in Senato scatenando diverse critiche da parte della comunità scientifica, che si è appellata all'eliminazione di questa particolare norma.

Anche dal Quirinale erano emerse delle riserve; per le fonti parlamentari di Repubblica.it "Così com'è questa norma non potrà essere promulgata dal Presidente della Repubblica perché ritenuta anticostituzionale". 

Contro la norma sul biodinamico si erano espressi, tra gli altri, il Nobel Giorgio Parisi e la senatrice a vita Elena Cattaneo, oltre ad alcune centinaia di docenti universitari, ricercatori, imprenditori e tecnici del settore.

"Sono favorevole all'agricoltura biologica, ma la biodinamica è altra cosa", aveva detto Parisi alla vigilia della discussione in Aula del provvedimento. "Inserirla nella legge che regola il settore ha due significati negativi. Il primo culturale, l'altro economico". Riconoscendola "il Parlamento afferma la validità di metodi previsti da Steiner come l'uso di letame maturato nelle corna di vacca, oppure di fiori di Achillea sepolti per mesi nella vescica di cervo maschio".
Parisi rilevava inoltre che il marchio Biodinamica "è di proprietà di una società multinazionale con fine di lucro, la Demeter Int., che con il riconoscimento legislativo acquisisce un vantaggio competitivo rilevante rispetto ai tanti agricoltori che con serietà, onestà e sacrificio si sforzano di rispettare i disciplinari dell'agricoltura biologica".

Adesso ci si domanda quando sarà approvata la legge a tutela del biologico (e non del biodinamico). A tal proposito
i deputati Paolo Parentela e Dedalo Pignatone (M5S) hanno affermato che "la norma sarà definitivamente approvata dal Senato da qui a un mese e comunque nel più breve tempo possibile".

Foto: politicheagricole.it


Condividi su: