Istituito il Tavolo Nazionale per il PSN

Istituito il Tavolo Nazionale per il PSN

Definirà la strategia nazionale per un sistema agricolo e alimentare sostenibile

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

21

Aprile
2021

Si è riunito lo scorso 19 aprile il Tavolo Nazionale di Partenariato per la costruzione del Piano Strategico nazionale (PSN) con l'obiettivo di tracciare la strada che porterà alla definizione della futura Politica Agricola Comune (PAC) 2023-2027.
L'incontro, organizzato in un evento online dalla Rete Rurale Nazionale del MiPAAF in una location davvero particolare, la ricostruzione virtuale del Palazzo dell'agricoltura, sede del Ministero, è stato aperto dal Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli, e ha visto la partecipazione dei presidenti delle Commissioni Agricoltura di Camera e Senato e della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, del Ministero per il Sud e la Coesione Territoriale, della Transizione ecologica e della Salute, e tutte le principali associazioni di settore, le organizzazioni professionali, sindacali, il mondo della cooperazione. Il tavolo di lavoro deve avviare un percorso condiviso con i rappresentanti del mondo produttivo, istituzionale e della società civile, al fine di contribuire insieme alla predisposizione del nuovo PSN.

"La sfida che abbiamo davanti - ha dichiarato il Ministro delle Politiche agricole e forestali, Stefano Patuanelli - è quella di costruire un sistema che possa disegnare un nuovo volto per l'agricoltura che vogliamo nel prossimo decennio, un'agricoltura fatta di innovazione e sostenibilità ambientale, economica e sociale".

Sono sei i principali obiettivi del PNRR, da declinare in diversi sotto obiettivi, che devono rispecchiarsi nel PSN:

  • potenziare la competitività delle aziende e delle filiere
  • migliorare le performance climatiche e ambientali dei sistemi produttivi
  • rafforzare la resilienza e la vitalità dei territori rurali
  • promuovere il lavoro agricolo e forestale di qualità e rafforzare la capacità di attivare scambi di conoscenza e innovazioni
  • efficientare il sistema di governance, rafforzando le strutture di gestione amministrative a livello nazionale e regionale, costruendo un quadro regolamentare semplice e adeguato alle nuove sfide e alle nuove esigenze.

 L'emergenza Covid-19, che ha messo in evidenza alcuni problemi dei contesti territoriali rurali, come la carenza dei servizi e delle infrastrutture, in particolare con i ritardi accumulati per la connettività e le nuove tecnologie, ha fatto comunque emergere in questo difficile anno le potenzialità delle aree rurali, soprattutto in termini di qualità della vita come opportunità per un ripensamento e un rilancio dello sviluppo.

Nel corso dell'incontro è intervenuto Giuseppe Blasi, Capo Dipartimento DIPEISR che ha illustrato il Tavolo Nazionale di Partenariato per la nuova Pac 2023-2027, Simona Angelini, Autorità di Gestione della Rete rurale nazionale e Alessandro Monteleone, di Rete rurale nazionale.

L'ultima parte della giornata è stata dedicata ai contributi del partenariato istituzionale, economico e sociale, con il coinvolgimento delle entità associative ed economiche che rappresentano i portatori di interesse del settore agricolo.


Condividi su: