In Lombardia l'acqua sta finendo

In Lombardia l'acqua sta finendo

La Regione è impegnata a salvare almeno il primo raccolto

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

13

Luglio
2022

La Lombardia, che sta facendo i conti con un'emergenza siccità senza precedenti, sta terminando l'acqua. L'ultimo a ridare l'allarme è stato proprio ieri Attilio Fontana: "Stiamo utilizzando fino all’ultimo litro d’acqua, ma il problema è che se non dovesse ricominciare a piovere non possiamo generare l’acqua", così si espresso il Governatore della Lombardia a margine del convegno Rigenerazione urbana, da opportunità a realtà, modelli e casi di applicazione della legge regionale 18/2019.
"Il problema c'è e aggiungiamo che non abbiamo quelle riserve che erano determinate dall’accumulo invernale della neve. Quest’anno non ha nevicato, quindi la situazione è estremamente preoccupante", ha proseguito Fontana.

"Credo di poter dire che sia stato fatto tutto il necessario, anche nel rispetto di accordi raggiunti con le associazioni degli agricoltori, per consentire almeno il primo raccolto".

"Da mesi stiamo lavorando per salvare il primo raccolto - aveva infatti spiegato l’Assessore alla Montagna ed Enti locali Massimo Sertori -. Importantissimo è l'ultimo accordo che abbiamo fatto con i gestori idroelettrici: sul bacino dell'Adda, saranno riversati 5 milioni e 600 mila metri cubi al giorno di acqua turbinata sulle dighe che arriverà sul lago di Como e alimenterà il bacino d'acqua. Confermato anche il milione di metri cubi fino alla fine di luglio per quanto riguarda il lago d'Iseo, quindi il bacino dell'Oglio. Questi sono importanti accordi che ci consentono di sfruttare al massimo la poca acqua che c'è, con l'obiettivo, ripeto, di salvare almeno il primo raccolto".

Sulle scorte in esaurimento per il 15 luglio Fontana ha aggiunto: "Ho dato una visione sulla quale ero certo. Ora, grazie a tutti questi utilizzi con il misurino, forse riusciamo a tirare ancora in là qualche settimana. Ma è chiaro che il problema di fondo c'è e lo stiamo affrontando con grandissima attenzione e cura con l’Assessore alla montagna ed enti locali Massimo Sertori e l’Assessore all'agricoltura Fabio Rolfi. C'è stata - ha concluso - una grandissima collaborazione tra tutte le categorie coinvolte in questo problema".
E ci mancava il contrario!

Foto: adbpo.it


Condividi su: