Il Parlamento europeo boccia il Regolamento per dimezzare l'uso dei pesticidi entro il 2030

Il Parlamento europeo boccia il Regolamento per dimezzare l'uso dei pesticidi entro il 2030

Il SUR era un caposaldo delle Strategie Farm to Fork e Biodiversità 2030. La proposta passa ora al Consiglio UE che deciderà se respingerla definitivamente o rimandarla in Parlamento

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Novembre
2023

A cura della Redazione F&T

Con 299 voti contrari, 207 a favore e 121 astenuti, gli Eurodeputati hanno respinto la Relazione Wiener che avrebbe rappresentato il mandato per i negoziati con Consiglio e Commissione. Si tratta del progetto di legge per dimezzare l’uso dei pesticidi nell’Unione europea entro il 2030.

Il voto contro il Regolamento sull’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (SUR) espresso dal Parlamento europeo in seduta plenaria a Strasburgo rappresenta un’importante battuta d’arresto per le ambizioni contenute nel Green Deal europeo. 
La proposta di Regolamento avanzata dalla Commissione nel giugno 2022 per dimezzare l’uso dei pesticidi chimici entro il 2030 e limitarne fortemente l’utilizzo nelle aree sensibili urbane e ai siti Natura2000, ad eccezione di quelli autorizzati per l’agricoltura biologica e il controllo biologico, rappresentava una pietra miliare delle Strategie Farm to Fork e Biodiversità 2030, già fortemente indebolite dal rinvio dell’adozione del Quadro legislativo sui sistemi alimentari sostenibili.

Lo stato dell'arte

Ora che gli Europarlamentari, a partire dai gruppi conservatori e popolari fino ad una parte di Socialisti e Democratici e dei Liberali di Renew, hanno respinto la richiesta di rinviare il testo in Commissione Ambiente, la palla passa al Consiglio dell’Unione europea che dovrà decidere la propria posizione sulla proposta per determinare se verrà definitivamente respinta o tornerà al Parlamento per una seconda lettura. Un percorso che difficilmente potrà essere concluso entro la fine della legislatura.

Le reazioni

"Oggi è un buon giorno per gli agricoltori e per chi pensa che l’Ue non debba imporre ulteriori ostacoli", ha dichiarato l’eurodeputato tedesco Peter Liese, del PPE. "Bisogna smetterla di giocare agli apprendisti stregoni in tema di ambiente e cominciare a pensare ai problemi reali degli agricoltori", ha concordato l’eurodeputata francese Anne Sander, anche lei del PPE.
"Finalmente - ha dichiarato la francese Christiane Lambert, della Copa-Cogeca - Il parlamento europeo ha riconosciuto che la legge sui pesticidi era irrealistica e ideologica".

"Ha prevalso il buon senso al Parlamento UE, con la bocciatura del Regolamento fitosanitari che avrebbe avuto forti ripercussioni sul mondo produttivo". Esprime così la sua soddisfazione Cristiano Fini, presidente di Cia-Agricoltori Italiani, dopo l’esito della votazione in plenaria che ha ribaltato le decisioni della Commissione Ambiente, bocciando la relazione finale. "Non si era tenuto conto delle esigenze del mondo agricolo sin da principio - afferma ancora Fini - mentre a Bruxelles sono state accolte le nostre ragioni. Gli agricoltori sono i primi a voler contribuire alla sostenibilità, ma chiediamo nuovi strumenti e pragmatismo".

Ricordiamo che il testo aveva suscitato profonde divisioni tra gli Stati membri.
La relatrice del testo, l’ambientalista Sarah Wiener, ha parlato di "giorno nero per l’ambiente e per gli agricoltori".

"Il parlamento ha bocciato una legge che era già stata resa irriconoscibile dagli emendamenti del Ppe", ha dichiarato l’eurodeputata tedesca Jutta Paulus, dei Verdi europei. "La destra sta mettendo in pericolo la salute degli agricoltori e la biodiversità".

Per il WWF Italia la bocciatura del Regolamento SUR è una sconfitta non solo per l’ambiente ma soprattutto per la salute delle persone e degli agricoltori. Un segnale preoccupante in vista della fase conclusiva della legislatura europea che prevede l’adozione di importanti provvedimenti a sostegno della transizione ecologica dell’agricoltura e della tutela della biodiversità, a partire dall’accordo provvisorio sulla Nature Restore Law, oggi approvato dai Rappresentanti Permanenti degli Stati membri e che passerà al vaglio della Commissione ENVI a fine novembre. 

Scenario e approfondimenti

Nell’ambito del Green Deal europeo, il 22 giugno 2022 la Commissione ha proposto un Regolamento sull’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari come parte di un pacchetto di misure volte a ridurre l’impronta ambientale del sistema alimentare dell’UE.

 Photo by rostichep
RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: