Il biossido di titanio sarà proibito da questa estate

Il biossido di titanio sarà proibito da questa estate

Il 14 gennaio la Commissione ha adottato il divieto dell’E171. Verrà attuato dopo un periodo transitorio di sei mesi

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

18

Gennaio
2022

La Commissione Europea ha deciso formalmente il divieto dell'uso del biossido di titanio come additivo alimentare, E171, che si applicherà dopo un periodo transitorio di sei mesi.
Questo significa che dall'estate 2022 l'additivo non potrà più essere aggiunto ai prodotti alimentari.

Il biossido di titanio viene utilizzato per conferire colore bianco, o rendere il colore più vivace, a molti alimenti, dai prodotti da forno e creme spalmabili per panini, a zuppe, salse, condimenti per insalate e integratori alimentari.
"La sicurezza del cibo che mangiano i nostri cittadini e la loro salute non sono negoziabili. Questo è il motivo - ha affermato la Commissaria per la salute e la sicurezza alimentare  Stella Kyriakides - per cui garantiamo un controllo rigoroso e continuo dei più elevati standard di sicurezza per i consumatori. Una pietra angolare di questo lavoro è garantire che solo sostanze sicure, supportate da solide prove scientifiche, raggiungano le nostre tavole".

Gli Stati membri hanno approvato all'unanimità la proposta della Commissione, avanzata lo scorso autunno, basata su un parere scientifico dell'EFSA che concludeva: l'E171 non può più essere considerato sicuro se utilizzato come additivo alimentare.


Condividi su: