I materiali alternativi alla plastica per gli imballaggi non sempre sono i più sostenibili

I materiali alternativi alla plastica per gli imballaggi non sempre sono i più sostenibili

Lo studio del Politecnico di Milano pubblicato sulla rivista Waste Management & Research

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

10

Giugno
2024

A cura della Redazione F&T

Il gruppo di ricerca AWARE (Assessment on WAste and REsources) del Politecnico di Milano ha condotto uno studio analizzando 53 studi peer-reviewed sull'Analisi del Ciclo di Vita (Life Cycle Assessment, LCA) pubblicati nel periodo 2019-2023, con lo scopo di comprendere a fondo gli impatti ambientali degli imballaggi, concentrandosi sul confronto tra plastica e materiali alternativi.

Solo considerando l'intero ciclo di vita possiamo comprendere appieno le implicazioni di ciascuna scelta di imballaggio.

Dalla ricerca, pubblicata sulla rivista Waste Management & Research: The Journal for a Sustainable Circular Economy, emerge che non sempre le plastiche convenzionali rappresentano la scelta meno rispettosa dell'ambiente: una valutazione completa della sostenibilità degli imballaggi richiede anche un'analisi degli impatti sociali ed economici.

Materiali a confronto

Da queste considerazioni emerge, ad esempio che l'uso del vetro, sebbene possa sembrare più sostenibile, presenta sfide legate al suo peso, che influisce sulle prestazioni non solo nella fase produttiva ma anche nel trasporto. Anche se il riutilizzo del vetro può rappresentare un miglioramento ambientale, è necessario farlo sotto precise condizioni per renderlo più vantaggioso rispetto alla plastica convenzionale.

Il confronto tra metalli, come l'alluminio, e le plastiche è più equilibrato, soprattutto nel settore delle bevande. Tuttavia, anche qui vi sono opportunità di miglioramento, come concentrarsi sul riutilizzo e limitare le distanze di trasporto e i carichi ambientali associati al ricondizionamento e al lavaggio degli imballaggi.

Le bioplastiche emergono come una valida alternativa in termini di cambiamento climatico ed esaurimento delle risorse fossili, anche se “la plastica si conferma un materiale dalle ottime prestazioni ambientali, se usato correttamente; questo grazie alla sua leggerezza, che ne consente un utilizzo minimo per ciascun imballaggio, e all’ottimizzazione dei processi produttivi rispetto a materiali più giovani, come ad esempio le bioplastiche” precisa Mario Grosso, docente di Gestione e Trattamento Rifiuti.

“Tuttavia, prosegue il professore, non bisogna dimenticare le due criticità principali dell’utilizzo della plastica, che sono la produzione a partire da risorse fossili e soprattutto l’elevata propensione all’abbandono nell’ambiente, dove richiede tempi lunghissimi per la degradazione; quest’ultimo aspetto non è generalmente incluso nelle valutazioni come quelle analizzate nella ricerca”.

Conclusioni

“Dagli oltre 50 studi analizzati emergono due aspetti fondamentali. Innanzitutto, la preferenza tra plastica e materiali alternativi è fortemente dipendente dalla specifica applicazione oltre che dalle caratteristiche intrinseche del materiale. In parallelo, molti studi presentano criticità metodologiche che possono influenzare i risultati del confronto, quali ad esempio l’analisi dei soli effetti sul cambiamento climatico senza valutare altri potenziali impatti o l’analisi di scenari di gestione degli imballaggi a fine vita non realistici” spiega Giovanni Dolci, ricercatore del gruppo AWARE.

Per consultare l’articolo “How does plastic compare with alternative materials in the packaging sector? A systematic review of LCA studies” ⇒

Foto: freepik
RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: