Giacenze: bene il vino, olio ancora in difficoltà

Giacenze: bene il vino, olio ancora in difficoltà

Il MiPAAF ha pubblicato i dati settimanali: per il vino -2,4% rispetto a un anno fa. +36,4% gli stock di olio su luglio 2019

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

22

Luglio
2020

43,3 milioni di ettolitri di vino in giacenza negli stabilimenti enologici italiani, in calo del 2% rispetto allo scorso 8 luglio e stock inferiori del 2,4% rispetto a un anno fa.
In riduzione anche i depositi di olio di oliva sull'ultima rilevazione, anche se si tratta di numeri ancora molto altri (+36,4%) rapportati allo scorso 15 luglio 2019.
Sono online sul sito del MiPAAF i report settimanali delle giacenze nazionali di vino ed olio, "Cantina Italia" e "Frantoio Italia", redatti dall'ICQRF, l'Ispettorato centrale repressioni frodi del Ministero delle Politiche Agricole. Uno strumento fondamentale per produttori e operatori, che consente di sapere settimanalmente la quantità di stoccaggio di vino e olio presenti sul territorio nazionale.

"Il lockdown ci ha dimostrato tutta la centralità della filiera agroalimentare, ma anche le sue fragilità. Il vino e l'olio - ha commentato la Ministra Bellanova - sono stati due dei settori maggiormente coinvolti dal blocco dei canali commerciali causati dall'emergenza sanitaria e proprio per questo abbiamo deciso di garantire un'informazione settimanale per scongiurare fenomeni speculativi e pratiche sleali che colpiscono il made in Italy e danneggiano la nostra reputazione".

"Le giacenze di vino sono in linea con quelle dello scorso anno mentre l'olio sta soffrendo maggiormente per gli effetti del lockdown. Stiamo intervenendo su più fronti per alleggerire il mercato ed evitare una sovraproduzione che potrebbe ripercuotersi non solo sull'andamento dei prezzi, ma anche sull'immagine delle nostre produzioni di qualità, ormai prossimi alla vigilia della nuova vendemmia e della campagna olivicola" ha concluso Bellanova.

I numeri di vino e olio

Nel dettaglio, per quanto riguarda il vino, rispetto a un anno fa è stata osservata una riduzione del 2,4 % per i vini, del 7,3% per i mosti e del 64,3% per il vino nuovo in fermentazione rispetto alla stessa settimana dello scorso anno.
Il 58% del vino in Italia è detenuto nelle cantine delle regioni del Nord: nel solo Veneto è presente circa un quarto del vino nazionale.
Il 52,6% del vino detenuto è DOP, con una prevalenza del rosso (56%).
Il 25,9% del vino è IGP, anche in questo caso con prevalenza del rosso.

Per quanto riguarda lo stock di olio detenuto in Italia il ( 311.113 tonnellate), il 69,6% è rappresentato da Olio Extra Vergine di Oliva. Nell'ambito dell'olio EVO, il 57,7% (124.924 t) è di origine italiana e il 34,9% è di origine UE. Marginali gli stock di olio extra UE (8.811 t) e di oli blend (7.223 t). Molto elevate le giacenze di olio EVO biologico (oltre 35mila tonnellate)
A livello regionale, la Puglia, la Toscana e la Calabria hanno il 62,8% dell'intera giacenza nazionale.
Oltre il 56% delle giacenze di oli DOP e IGP è costituito da olio "Terra di Bari".

Si possono consultare i report ai seguenti link:
https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/15767;

https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/15766
 


Condividi su: