Etichettatura ambientale si va al 2022

Etichettatura ambientale si va al 2022

Per l'etichettatura ambientale c'è la sospensione di tutto il comma 5 dell'articolo 219 fino al 31/12/2021. Sospesa, al momento, anche la Plastic Tax

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

10

Maggio
2021

Con la conversione in legge, dello scorso 6 maggio del Decreto legge 22 marzo 2021, n. 41, approvato con il nuovo titolo "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, recante misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all'emergenza da COVID-19", è stato approvato l'emendamento relativo all’etichettatura ambientale degli imballaggi.

È infatti stata accolta la richiesta di Confindustria volta a ottenere la sospensione di tutto il comma 5 dell'articolo 219 del Decreto legislativo 152/2006 che dispone che tutti gli imballaggi siano: “opportunamente etichettati secondo le modalità stabilite dalle norme tecniche UNI applicabili e in conformità alle determinazioni adottate dalla Commissione dell’Unione europea, per facilitare la raccolta, il riutilizzo, il recupero e il riciclaggio degli imballaggi, nonché per dare una corretta informazione ai consumatori sulle destinazioni finali degli imballaggi. I produttori hanno, altresì, l’obbligo di indicare, ai fini della identificazione e classificazione dell’imballaggio, la natura dei materiali di imballaggio utilizzati, sulla base della decisione 97/129/CE della Commissione”.

Pertanto oltre alla sospensione già decretata dell’obbligo di etichettatura secondo le norme tecniche UNI applicabili fino al 31 dicembre 2021, si aggiunge la sospensione, fino alla stessa data, dell'obbligo dell’indicazione della natura dei materiali di imballaggio sulla base della decisione 97/129/CE.

Proroga annunciata anche per la tassa sui manufatti in plastica per singolo impiego (MACSI), cosiddetta Plastic Tax, introdotta dalla Decisione 2020/2053/UE, inizialmente prevista dalla Legge di Bilancio 2020 e slittata al 1° luglio 2021 con la Legge di Bilancio 2021.

Nella bozza del “DL Sostegni Bis”, con il nuovo art. 14, l’applicazione della  Plastic Tax, è ora sospesa fino al 1° gennaio 2022.

Per quanto riguarda la Sugar Tax, è al momento confermata l'entrata in vigore al 1° gennaio 2022, come da ultima proroga della Legge di Bilancio 2021.

Credits: Clker-Free-Vector-Images da Pixabay


Condividi su: