Epidemia aviaria, sono ormai 30 i focolai in Italia

Epidemia aviaria, sono ormai 30 i focolai in Italia

27 in provincia di Verona, 2 sui Colli Euganei, nei pressi di Padova, e 1 a Ostia. Tutti focolai ad alta patogenicità

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

16

Novembre
2021

L’unità organizzativa Veterinaria della Regione Veneto ha comunicato la conferma dei due focolai di HPAI H5 in due allevamenti della provincia di Padova, nelle zone di Este e Lozzo Atestino. Si tratta di un allevamento di tacchini da carne e di un allevamento di galline ovaiole
Se si sommano ai 28 focolai (27 situati nella provincia di Verona che coinvolgono principalmente allevamenti di tacchini, 1 focolaio confermato in un allevamento rurale sito ad Ostia, in provincia di Roma) registrati fino all'11 novembre 2021, saliamo a 30 focolai attivi in Italia.

Ricordiamo che a seguito dell’evoluzione epidemiologica della malattia, il Ministero della Salute, con il Dispositivo dirigenziale n. 25660 del 5 novembre aveva previsto l’istituzione di una zona di ulteriore restrizione (ZUR) in aggiunta alle zone di protezione e sorveglianza attorno ai focolai confermati, all’interno della quale vengono applicate misure di gestione del rischio aggiuntive al fine evitare l’ulteriore diffusione della malattia sul territorio nazionale.
Il Ministero della Salute aveva diramato mercoledì 10 novembre una nuova nota in merito ai focolai di influenza aviaria HPAI confermati dal Centro di referenza nazionale per l’influenza aviaria presso l’IZS delle Venezie  su campioni prelevati in allevamenti avicoli.
Nota al territorio Ministero della Salute

La UO Veterinaria della Regione Veneto con. nota prot. n. 527643 del 10 novembre ha dato ulteriori indicazioni operative per il territorio regionale.
INDICAZIONI REGIONALI 10 11 2021

Il Presidente della Regione Veneto il 12 novembre ha emanato l’Ordinanza  n. 155, Oggetto: Influenza Aviaria. Ampliamento delle misure di restrizione stabilite dalla OPGR n. 151, del 08 novembre 2021.
ORDINANZA n. 155 del 12 novembre 2021

Israele blocca le importazioni

Intanto il Ministero della Salute informa che, a seguito delle notifiche al Disease Data Collection dell'Organizzazione Mondiale della Sanità Animale dei focolai di influenza aviaria HPAI avvenuti ultimamente nel nostro Paese, le autorità sanitarie israeliane hanno comunicato il blocco delle importazioni dall’Italia di pollame, materiale genetico di pollame, uova da tavola e uccelli in cattività
In particolare non sarà consentito l’ingresso di uova da tavola che sono state spedite dall’Italia dopo il 4 novembre 2021.

Fonte: SIVeMP Veneto
Photo by Wolfgang Ehrecke


Condividi su: