Direttiva SUP vale anche per le bioplastiche

Direttiva SUP vale anche per le bioplastiche

La Comissione europea ha emanato le linee guida relative ai contenitori monouso: sono compresi anche carta e bioplastiche

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Giugno
2021

Sono disponibili le linee guida della Direttiva (UE) 2019/904 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 giugno 2019 sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente sugli articoli monouso (Direttiva Sup), che entrerà in vigore il prossimo 3 luglio.

Il documento di orientamento ha come scopo quello che la Direttiva venga applicata in modo corretto e armonizzato. Uno dei punti più critici è quello relativo alla plastica a base biologica e biodegradabile che viene considerata plastica indipendentemente dal fatto che sia derivata da biomasse o destinata a biodegradarsi nel tempo. In contrasto, quindi, con la legge di recepimento italiana, entrata in vigore lo scorso 8 maggio, che consente l'utilizzo di bioplastiche nel caso in cui "non sia possibile l'uso di alternative riutilizzabili ai prodotti di plastica monouso destinati a entrare in contatto con alimenti elencati nella parte B dell'allegato".

Sono invece polimeri naturali non modificati e quindi esentati dall'applicazione della Direttiva quelli che risultano da un processo di polimerizzazione che ha avuto luogo in natura, ad esempio cellulosa e lignina estratte dal legno.

Per Legambiente la posizione dell'Unione europea è fortemente sbagliata.

"Lo schema di decreto legislativo del Ministero della transizione ecologica per recepire la direttiva Sup va nella giusta direzione - sostiene Stefano Ciafani, presidente di Legambiente - e riconosce all'Italia la leadership internazionale su bioeconomia, produzione di plastiche compostabili, raccolta differenziata dell'umido domestico e filiera industriale del compostaggio".

L'associazione ambientalista è d'accordo sulla deroga per i prodotti biodegradabili e compostabili, usati come alternativa, ma chiede un'etichettatura specifica che indichi la compostabilità e le informazioni sul corretto smaltimento. Inoltre, Legambiente è fortemente contraria a considerare la deroga per prodotti a base di carta con sottili rivestimenti in plastica tradizionale, proponendo l'utilizzo di film in bioplastica compostabile.

Le Linee Guida sono disponibili a questo link.

Photo Credits: Daria Shevtsova


Condividi su: