Covid-19 e alimentazione:

Covid-19 e alimentazione: "aumenta la prevalenza di obesità"

Il CREA analizza gli effetti "schizofrenici" dei lockdown su abitudini alimentari in Italia e in altri 4 Paesi europei

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Settembre
2021

I lunghissimi periodi di quarantena che i cittadini del mondo intero hanno subito nel corso della pandemia, hanno avuto impatti più o meno drammatici su tutte le sfere esistenziali comprese quelle alimentare, della cura della persona e degli stili di vita.
A questo proposito un team di ricercatori del CREA Alimenti e Nutrizione ha condotto uno studio focalizzato sugli effetti riscontrati sia nelle abitudini alimentari sia nello svolgimento dell’attività fisica nonché sulla sua probabile correlazione con l’incremento ponderale.

Sono stati analizzati alcuni studi condotti in Italia, Portogallo, Spagna, Francia e Polonia, basati sulla formulazione e diffusione di diverse tipologie di questionari, con il fine di confrontare i dati ottenuti e mettere in luce le criticità e gli aspetti positivi emersi in questo particolare periodo storico in riferimento alle abitudini alimentari e alla pratica dell’esercizio fisico nella popolazione. La ricerca internazionale è stata pubblicata sulla rivista Frontiers in Nutrition.

Più cibo, meno movimento

I risultati in generale, hanno indicato che la quarantena ha avuto effetti sia sulle abitudini alimentari sia sull'attività fisica. Si evidenziano un aumento del consumo di cibo e una riduzione dell'attività fisica con conseguente aumento di peso. A tale proposito, commenta l'autore dello studio Umberto Scognamiglio del CREA Alimenti e Nutrizione: "il dato Italiano si allinea con quello degli altri Paesi europei e uno dei problemi da tenere presente dopo la pandemia sarà proprio l'aumento della prevalenza di obesità".

La tabella riporta i dati dei tre studi nazionali considerati e suggerisce un quadro "schizofrenico", caratterizzato da un lato da maggiori quantità di alimenti salutari come frutta, verdure e legumi, dall’altro da un incremento nel consumo di dolci, spuntini salati e bevande alcoliche, legato indubbiamente alle numerose ore trascorse in casa e all’esigenza di comfort food per far fronte all’ansia provocata dalla situazione eccezionale. Se poi, al più rilevante introito calorico, si aggiunge la mancanza di una regolare attività fisica, l’aumento di peso è inevitabile.

Le raccomandazioni ai cittadini

Comprendere come la quarantena abbia influenzato il comportamento delle persone durante l'emergenza Covid-19 è sicuramente un punto di partenza per sviluppare programmi ad hoc di educazione alimentare e prevenzione. A tal fine, durante l'autoquarantena e l'isolamento, l'OMS suggerisce di limitare sale, zucchero, grassi e alcol e incoraggia il consumo di fibre, acqua e prodotti freschi, in particolare frutta, verdura e latticini a ridotto contenuto di grassi. Tali raccomandazioni sono in forte accordo anche con quanto stabilito dalle Linee Guida per una Sana Alimentazione del CREA.

Diversi Paesi stanno stabilendo nuove regole per quanto riguarda attività fisica all'aperto, a seconda delle condizioni provocate dal Covid-19. Ad ogni modo, secondo l’OMS, si può mantenere uno stile di vita attivo anche attraverso semplici esercizi da svolgere a casa o nelle attività quotidiane, senza attrezzature particolari e con spazi limitati. Sono raccomandati a settimana 150 minuti di attività fisica di intensità moderata o 75 minuti di attività fisica di intensità vigorosa o una combinazione di entrambi.

Lifestyle Changes Related to Eating Habits, Physical Activity, and Weight Status During COVID-19 Quarantine in Italy and Some European Countries →

Foto: crea.gov.it


Condividi su: