Coronavirus: rideterminazione shelf life

Coronavirus: rideterminazione shelf life

Sono confermate dal Ministero della Salute le misure straordinarie per la rideterminazione della shelf life dei prodotti alimentari e congelamento carne fresca

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

19

Aprile
2021

A seguito del protrarsi dell’emergenza legata alla pandemia da SARS COV2 e delle richieste pervenute delle Associazioni di categoria, la Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e della nutrizione del Ministero della Salute (Ufficio 2), ha diramato la Nota n. 13861 del 2 aprile 2021 avente come oggetto “Misure straordinarie per la rideterminazione della shelf life dei prodotti alimentari e congelamento carne fresca”.

Come per i precenti provvedimenti in merito, la Nota permette di rideterminare la durabilità dei prodotti alimentari compresi i prodotti congelati e surgelati, indicando le modalità di etichettatura dei suddetti prodotti e la possibilità di congelare la carne fresca invenduta destinata alla ristorazione.

La rideterminazione della shelf life può essere condotta presso i seguenti stabilimenti diversi da quelli che operano al dettaglio:

  1. lo stabilimento che li ha prodotti
  2. uno stabilimento autorizzato per lo stoccaggio e il riconfezionamento
  3. uno stabilimento che procede alla loro trasformazione ai fini della immissione sul mercato.

Fatti salvi i casi degli alimenti la cui durabilità è stabilita da norme specifiche (per esempio uova fresche, latte pastorizzato, ecc.), la durabilità è determinata in modo autonomo dall’OSA sulla base dei dati in suo possesso. La rideterminazione della shelf life deve essere effettuata prima della data di scadenza/TMC ed è applicabile agli alimenti con esclusione di quelli detenuti per la vendita al dettaglio.

Anche per quanto riguarda il congelamento delle carni fresche la nota riprende i concetti già espressi nelle precedenti: Nota del Ministero della Salute Prot. DGISAN n. 13412 del 14/04/2020 che riporta alcune indicazioni in merito alla Nota del Ministero della Salute Prot. DGISAN n. 12957 del 09/04/2020 relativa alla "Rideterminazione shelf life dei prodotti alimentari e congelamento carni fresche" e Nota del 13/11/2020.

Le eccedenze alimentari, come definite all’articolo 2, punto 1, lettera c, della Legge 19 agosto 2016 n.166, possono comunque essere oggetto di donazione ai fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi alimentari.

Il Ministero della Salute sta valutando la predisposizione di una linea guida specifica. Le disposizioni della presente nota restano in vigore fino a nuova indicazione.

Credits: PublicDomainPictures


Condividi su: