Cirio, Yoga, Derby, Jolly marchi storici di interesse nazionale

Cirio, Yoga, Derby, Jolly marchi storici di interesse nazionale

Conserve Italia iscrive al Registro speciale i suoi marchi più antichi

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

30

Marzo
2021

Hanno più di 50 anni e sono da poco divenuti "marchi storici di interesse nazionale": Cirio, Yoga, Derby e Jolly, marchi di proprietà del consorzio cooperativo bolognese Conserve Italia, sono stati iscritti nel Registro dei marchi storici di interesse nazionale, istituito dal Ministero dello Sviluppo economico con Decreto ministeriale del 10 gennaio 2020.

Il marchio in assoluto più longevo di Conserve Italia è Cirio, la cui origine risale a prima dell'unità d'Italia, il 1856, ed è legata al pioniere delle conserve Francesco Cirio che ha dato il nome ad un marchio conosciuto in tutto il mondo.

Tra i marchi di Conserve Italia più conosciuti c’è anche Yoga, nato nel 1946 a Massa Lombarda, Ravenna, Derby, nato nel 1947 a Bologna e oggi uno dei brand con cui Conserve Italia commercializza succhi e bevande alla frutta soprattutto nel canale Horeca, e Jolly, presente sin dagli anni ’20 (fondato nel 1924 da Giulio Colombani a Portomaggiore, nel Ferrarese) e oggi sul mercato con la denominazione Jolly Colombani con succhi e bevande di frutta, conserve di pomodoro e legumi.

Secondo il Direttore Generale di Conserve Italia, Pier Paolo Rosetti, "l’iniziativa del Governo italiano di tutelare i marchi storici del Paese, inclusi quelli alimentari, è senz’altro meritevole, perché essi rappresentano un valore indiscutibile del made in Italy e va fatto ogni sforzo per scongiurare il rischio che finiscano in mani straniere".

Il Registro Speciale

L’art. 31 del D.L. 30 aprile 2019, n. 34 (Decreto Crescita), convertito in legge dall’art. 1 della Legge 28 giugno 2019, n. 58, prevede che i titolari o licenziatari esclusivi di marchi d'impresa registrati da almeno cinquanta anni o per i quali sia possibile dimostrare l'uso continuativo da almeno cinquanta anni, utilizzati per la commercializzazione di prodotti o servizi realizzati in un'impresa produttiva nazionale di eccellenza storicamente collegata al territorio nazionale, possono ottenere l'iscrizione del marchio nel Registro dei marchi storici di interesse nazionale, istituito presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

Il Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico 10 gennaio 2020, ha istituito il logo Marchio storico di interesse nazionale che le imprese iscritte nel registro possono utilizzare per le finalità commerciali e promozionali e ne ha definito i criteri per l’utilizzo.

Con Decreto del Direttore Generale per la Tutela della Proprietà Industriale, sono state definite le modalità attuative e gli aspetti procedurali relativi alla presentazione delle istanze per l’iscrizione dei marchi storici al registro. L’iscrizione al registro avviene automaticamente al momento dell’accoglimento dell’istanza depositata dall’utente che ne riceve espressa notifica. Oltre alla rappresentazione del marchio, il registro contiene, per ciascun marchio iscritto, un numero progressivo di iscrizione, nonché  i principali dati bibliografici dello stesso e della correlata istanza di iscrizione depositata. 

    


Condividi su: