Biologico: solo il 5% delle sementi è bio

Biologico: solo il 5% delle sementi è bio

SANA: accordo tra Anabio e sementieri per favorire incontro tra domanda e offerta. Appelli: al MiPAAF per un Piano di ricerca dedicato, alla politica per approvare la legge sul Bio

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

13

Settembre
2021

In Italia solo poco più del 5% della superficie sementiera nazionale è destinata alla produzione di sementi bio: quasi 11mila ettari sui 203mila complessivi riservati all’attività di moltiplicazione del seme. Questo vuol dire che, per la maggior parte delle coltivazioni, sono disponibili soltanto poche nuove varietà adatte all’agricoltura biologica e, spesso, molto più costose. CIA-Agricoltori Italiani, assieme alla sua associazione Anabio, ha lanciato dal SANA 2021 il Progetto Sementi Biologiche per migliorare e accrescere la disponibilità e la qualità di sementi bio, puntando da una parte alla stipula di accordi interprofessionali con le ditte sementiere, e dall’altra chiedendo al MiPAAF di avviare finalmente il Piano nazionale di ricerca per le sementi biologiche.

Il primo accordo è stato firmato a BolognaFiere con lo scopo di favorire l’incontro tra domanda e offerta di sementi bio. Nel protocollo d’intesa tra Anabio Cia e Arcoiris srl, C.A.C., Co.Na.Se. Consorzio Nazionale Sementi, cooperativa La Terra e il Cielo, CGS spa, Guerresi srl e Prometeo srl, ma aperto ad altri partner interessati al progetto, le aziende sementiere coinvolte si impegnano a mettere a punto un assortimento di varietà disponibili alla produzione di sementi bio certificate. Anabio farà da punto di raccolta delle richieste delle imprese associate formulando veri e propri pre-ordini con i quantitativi di ciascuna specie. In questo modo, le ditte sementiere si garantiscono una domanda che permette loro di programmare la produzione con un’auspicabile economia di scala che consentirà di contenere i costi; dall’altro lato gli agricoltori associati di Anabio-Cia potranno usufruire del seme bio certificato a costi competitivi.
"Se il processo evolve - afferma CIA in una nota - potrà essere applicato su scala più ampia e consentire alle aziende sementiere di dedicare una parte del loro budget di ricerca e sviluppo alla costituzione di nuove varietà appositamente selezionate per essere coltivate in ambiente bio".

"Con il Green Deal, l'UE si è data l’imperativo di far crescere il biologico fino a raggiungere il 25% della superficie agricola utilizzata entro il 2030 - ha ricordato il presidente nazionale di Anabio, Federico Marchini -. A fronte del successo crescente del metodo bio nel settore primario, 2 milioni di ettari in Italia per un valore alla produzione di 3 miliardi di euro, ora bisogna far decollare lo stesso metodo nel comparto sementiero".

Attivare questo processo vuol dire guardare alla scadenza del 2036, quando non sarà più possibile fare ricorso al sistema delle autorizzazioni in deroga, previsto anche dalle norme UE, per l’impiego di sementi convenzionali anche nell’agricoltura bio. Oggi già 2 specie non sono più in deroga (erba medica e trifoglio alessandrino), a cui se ne potrebbero aggiungere altre 15 nel corso del 2022 (come frumento duro e tenero, avena, lenticchia, fava, farro, orzo). Secondo Anabio-CIA, la Banca Dati Sementi, operativa dal 2019 e che al momento contiene 878 varietà, se opportunamente revisionata, può diventare davvero lo strumento di gestione per la moltiplicazione vegetativa con metodo biologico. "Ma è altrettanto necessario - prosegue CIA -  che il MiPAAF acceleri sulla definizione e sul finanziamento di un nuovo Piano nazionale per le sementi biologiche, annunciato da oltre un anno, ma ancora bloccato nell’iter amministrativo".

CIA, appello a mobilitazione agricoltori. Camera approvi subito legge

"Il tempo dei dibattiti sterili nel mondo della rappresentanza è finito. La legge sul biologico venga ora approvata definitivamente alla Camera dopo il consenso vastissimo raccolto da tutto l’arco costituzionale, con un unico voto contrario in Senato". Il presidente di CIA-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino, lancia un appello alla mobilitazione di tutti gli agricoltori per stimolare la politica a fare un passo decisivo in merito alla norma sulle "Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico". Scanavino chiede la tempestiva approvazione della legge, visto l’ok al provvedimento a fine luglio in Commissione Agricoltura, che non ha apportato alcuna modifica al testo del Senato.

Secondo CIA, e non solo, una "legge nazionale sul bio rappresenta il pilastro fondamentale per la costruzione del futuro agricolo del Paese, come indicato dal Green Deal che vede proprio nel biologico uno dei driver principali per la transizione del sistema agroalimentare verso la sostenibilità".


Condividi su: