Autocontrollo di filiera dei residui di glifosato: la proposta di Eurofins Tecna

Autocontrollo di filiera dei residui di glifosato: la proposta di Eurofins Tecna

I kit rapidi del gruppo internazionale Eurofins Technologies sono adatti alle diverse esigenze dell'industria alimentare

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

21

Settembre
2021

A cura di Giulia Rosar, Eurofins Tecna Product Manager e Giovanni Dedenaro, Eurofins Tecna Application Specialist

Per la verifica e la quantificazione dei residui del pesticida glifosato in ingredienti e alimenti vi sono oggi diverse soluzioni analitiche alla portata di produttori e industrie: kit diagnostici semplici, economici e molto rapidi, ma al contempo molto robusti e sensibili. Si tratta di alternative all’esternalizzazione delle analisi ai laboratori privati che producono un risparmio in termini assoluti, una riduzione dei tempi e una maggiore consapevolezza e riservatezza nella gestione della qualità. Il cuore tecnologico delle proposte di Eurofins Tecna è l’immunometria, declinata in modo differente a ottenere kit analitici di semplice utilizzo, economici e affidabili, adatti a diverse esigenze dell’industria in termini di tempo d’analisi, capacità analitica (numero di campioni da processare) e carico di lavoro per gli addetti alla qualità.

Kit rapidi per l’analisi "on field"

Il sistema più semplice è il kit semi-quantitativo basato sulla tecnologia "lateral flow" sviluppato da Eurofins Abraxis, una strip di facile utilizzo che consente di analizzare, tra gli altri, acqua, cereali, caffè, legumi, pasta secca, miele in pochi passaggi e pochi minuti. Il sistema permette di classificare il campione in quattro fasce di rischio come negativo (minore del limite di rilevazione), a bassa concentrazione, media, e a contaminazione fuori scala.
 

Figura 1 - Kit semi-quantitativo Eurofins Abraxis

L’analisi può essere condotta visivamente anche da personale senza esperienza, interpretando l’intensità del colore delle bande che si sviluppano sulla strip dopo una breve incubazione con l’estratto dell’alimento, in maniere simile, se si vuole, a un comune test di gravidanza. In alternativa, è possibile abbinare la strip a un lettore che consente la valutazione digitale delle bande e la loro misurazione, superando così le incertezze degli operatori, gli errori e qualsiasi dubbio di interpretazione personale.

Analisi in micropiastra

La tecnica delle strip è particolarmente indicata per operatori poco esperti e per aziende che debbano processare un campione alla volta. Quando fosse possibile raccogliere e raggruppare i campioni in poche sessioni, o quando vi fosse la necessità di processarne molti in parallelo, la tecnologia ideale è quella dell’ELISA, il sistema immunoenzimatico in micropiastra che consente di processare quantitativamente sino a 40 campioni in appena due ore.
 

Figura 2 - Kit ELISA per glifosato

Nato per il controllo delle acque con un limite di rilevazione di 0,05 ppb in circa un’ora e mezza, il kit ELISA per glifosato oggi include le procedure, semplici e veloci, per l’analisi di diverse matrici quali birra, miele, pane, pasta, cereali, patatine, gelatina, uva, caffè, legumi, vino, e molte altre. Il range di misura per cereali, pane e pasta secca è di 7,5-400 ppb, mentre in legumi e mais il kit permette la quantificazione del glifosato tra 75 e 400 ppb.

Il kit ELISA per il glifosato sviluppato da Eurofins Abraxis ha ricevuto lo status di Performance Tested MethodSM da AOAC International per l’analisi quantitativa del glifosato nel frumento, nell’avena, nei piselli gialli secchi e nelle lenticchie rosse secche (Cert. No. 072104).

L’analisi ELISA può essere condotta manualmente da personale dedicato, che può beneficiare della formazione di Eurofins Tecna direttamente sul campo, con un investimento molto contenuto in termini di equipaggiamento di laboratorio e di lettore di micropiastra.

Automazione validata

In alternativa è possibile applicare l’analisi ELISA a un analizzatore automatico. Sebbene i robot per l’ELISA siano disponibili da molti anni, la loro diffusione nel settore alimentare è rimasta a lungo limitata: non solo era necessario disporre di un budget consistente per l’acquisto della macchina, ma anche di tempo, competenza e materiali per applicare i kit al robot, per creare le metodiche di lavoro della macchina e per verificarne le performance, con il rischio di non avere né l’assistenza piena del fornitore dello strumento né il supporto dal fornitore dei kit. Condizione necessaria per rendere una proposta accessibile all’industria è quella di integrare, quindi, strumentazione e kit, ed essere in grado di installare in appena mezza giornata uno strumento pronto a correre, per il glifosato, una metodica già verificata e validata.
 

Figura 3 - Il robot ELISA The BOLTTM di Eurofins Technologies

Il robot ELISA The BOLTTM di Eurofins Technologies consente di eseguire le prove per il glifosato in modalità walk-away, garantendo tempo libero per i tecnici, elevata riproducibilità nel tempo, massima tracciabilità delle sessioni grazie all’accessibilità di report specifici per seduta nei quali ogni passaggio dello strumento viene debitamente registrato. All’operatore non resta che condurre l’estrazione del campione e disporre reagenti e campioni nella macchina: lo strumento conduce per intero tutte le fasi dell’analisi, lettura ed elaborazione dei dati incluse.

Eurofins Tecna distribuisce in esclusiva per l’Italia il kit rapido lateral flow e il kit ELISA. È in grado di fornire assistenza e formazione in italiano, fornire e installare la strumentazione di lettura o di esecuzione automatizzata della prova ELISA in poche ore, accompagnando le aziende all’internalizzazione delle prove e alla gestione economica e consapevole della qualità.

Per ulteriori informazioni sui prodotti, è possibile contattare il dottor Giovanni Dedenaro (GiovanniDedenaro@eurofins.com) oppure visitare il sito Eurofins Tecna cliccando su questo link → 


Condividi su: