Agricoltura di precisione: al CREA l'award

Agricoltura di precisione: al CREA l'award "miglior paper 2021"

È italiano il premio della rivista Electronics alle migliori ricerche scientifiche pubblicate

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

11

Luglio
2022

"Un risultato questo, che sottolinea l'importanza della ricerca in agricoltura di precisione. Occorre dare al settore, pressato da sfide epocali, come quella imposta dai cambiamenti climatici, risposte urgenti e operative". Così Paolo Menesatti, Direttore del centro di Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari commenta il riconoscimento attribuito dalla rivista Electronics allo studio relativo al raffronto fra i sistemi di guida semi-automatica e quella manuale, applicati alle trattrici durante la semina del grano. 

Il paper, realizzato dal CREA Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari, con i colleghi dell'Università degli Studi della Tuscia (DAFNE), nell'ambito del precision farming, ha dimostrato la maggiore efficienza e la maggiore capacità operativa della guida semi-automatica rispetto al sistema di guida convenzionale, permettendo di seminare quasi 2 ha in più al giorno.

Il lavoro, svolto nell'ambito del progetto AGRIDIGIT (sotto-progetto AGROFILIERE) finanziato dal MiPAAF, ha coinvolto i seguenti ricercatori del CREA Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari: Antonio Scarfone, Angelo Del Giudice, Enrico Santangelo, Francesco Latterini ed Alberto Assirelli.

Semi-Automatic Guidance vs. Manual Guidance in Agriculture: A Comparison of Work Performance in Wheat Sowing →


Condividi su: