AGCM conclude la fase istruttoria su Dukan

AGCM conclude la fase istruttoria su Dukan

È stata pubblicata sul Bollettino n. 23 del 20 giugno di AGCM la comunicazione della conclusione della fase istruttoria "NUTRISCORE DUKAN"

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

21

Giugno
2022

Con atto prot. n. 83470 del 5 novembre 2021 AGCM ha comunicato alle società Regime Dukan Société par actions simplifiée e a Diet Lab SAS con sede in Francia l’avvio del procedimento istruttorio per verificare l’esistenza di presunte condotte illecite in violazione del “Codice del Consumo”.

Il provvedimento concerne, oltre alla mancata apposizione di nome o ragione sociale e dell’indirizzo dell’operatore sulla confezione, di vari prodotti alimentari a marchio Dukan, anche l’apposizione del sistema NutriScore sulla parte frontale delle confezioni dei prodotti. A titolo esemplificativo, ai biscotti alla noce di cocco è attribuita la categoria “A”, di colore verde. La suddetta etichetta semaforica è posta in evidenza sulle confezioni, senza ulteriori specificazioni o elementi chiarificatori del significato di tale informazione.

In Francia, le regole d’uso e i criteri di calcolo relativi al Nutriscore sono disciplinati dai decreti del Ministero della Salute francese del 19 luglio 2016 e del 31 ottobre 2017, emanati ai sensi del Regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla “fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori”.

Presunta illiceità

Precisando le contestazioni circa la presunta illiceità delle condotte, l’AGCM evidenzia una violazione del Codice del Consumo, in quanto contrario alla diligenza professionale e idoneo a indurre in errore il consumatore medio con riguardo all’identità dell’operatore del settore alimentare con il cui nome o ragione sociale sono commercializzati i prodotti a marchio Dukan, nonché con riguardo alla natura e al funzionamento dei parametri su cui si basa la valutazione espressa con il bollino NutriScore, ai vantaggi derivanti dal consumo dei prodotti su cui lo stesso è presente e ai risultati salutistici connessi a questa tipologia di etichettatura.

Nello specifico: l’indicazione dell’identità dell’operatore del settore alimentare con il cui nome o ragione sociale sono commercializzati i prodotti è una delle prescrizioni obbligatorie in etichetta ai sensi all’art. 9, comma 1, lett. h), del Regolamento (UE) n. 1169/2011 e la sua omissione appare rilevare in quanto non consente al consumatore il pieno esercizio dei propri diritti contrattuali.

Per quanto riguarda il Nutriscore si evidenzia che il sistema attribuisce la categoria “A”, di colore verde, ad alcuni prodotti a marchio Dukan come i biscotti alla noce di cocco. La suddetta etichetta semaforica, posta in evidenza sulle confezioni, indirizza il consumatore ad acquistare il prodotto, nel convincimento che si tratti di un alimento sano. La mancanza di elementi chiarificatori in relazione ai caratteri e ai limiti della metodologia utilizzata, non consente al consumatore di utilizzare la valutazione espressa in maniera consapevole.

In aggiunta, in assenza di riferimenti a quantità desiderabili e di avvertenze sulle necessità dietetiche specifiche, il consumatore è incoraggiato al consumo di tale tipologia di prodotti senza limiti, con il rischio di sottostimare i potenziali effetti nocivi che l’assunzione di quantità significative di un alimento può determinare sulla salute.

Per leggere l’intero procedimento PS12185 cliccare qui.


Condividi su: