A Pasqua si prevedono grandi mangiate negli agriturismi

A Pasqua si prevedono grandi mangiate negli agriturismi

Saranno 1,5 milioni le presenze. Tanti gli stranieri

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

25

Marzo
2024

A cura della Redazione F&T

Pasqua e Pasquetta saranno all'insegna dell'agriturismo? Pare di sì, con un milione e mezzo di persone, di cui il 65% italiani, che tra pernottamenti, pranzi e visite sceglieranno di passare i giorni di festa riscoprendo le campagne e il cibo contadino gustato tra i paesaggi offerti dal nostro Paese. Tra questi, 300.000 sceglieranno i ristori con menù a km zero.

Secondo le stime Terranostra di Coldiretti, gli italiani pernotteranno durante le vacanze pasquali una media di due notti, con oltre 150.000 stranieri, prevalentemente tedeschi, svizzeri, olandesi, francesi e statunitensi, che in media soggiorneranno almeno quattro giorni. "Il turismo nelle aziende agricole e nelle aree rurali sta vivendo un periodo di grande fermento e innovazione" afferma la Presidente di Terranostra Dominga Cotarella. Il successo degli agriturismi è spinto anche dalla riscoperta del valore storico, culturale e ambientale dei piccoli borghi che ospitano appena il 16% della popolazione nazionale, ma rappresentano il 70% del numero totale dei comuni italiani e il 54% dell'intera superficie italiana.

In Italia sono 25.849 le aziende agrituristiche (dati Istat al 2022), quasi il doppio del 2014 (+84%) mentre, sottolinea Coldiretti, il valore della produzione agrituristica sale a 1,5 miliardi di euro grazie a 15,5 milioni di presenze, di queste ben il 58% composto da agrituristi stranieri (elaborazione Coldiretti su dati Istat). Tra le regioni prescelte con maggior numero di presenza per le vacanze durante tutto l'anno, sul podio Toscana, Trentino Alto Adige, Lombardia, Veneto, Lazio e Umbria.

Foto: campagnamica.it/terranostra/

RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: