1/3 degli europei mangia zero porzioni di frutta e verdura al giorno

1/3 degli europei mangia zero porzioni di frutta e verdura al giorno

Il 12% consuma 5 porzioni giornaliere, in Italia si scende al 10%. Le donne mangiano più frutta e verdura degli uomini

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

10

Gennaio
2022

Nel 2019, 1 persona su 3 (33%) nell'Unione europea ha riferito di non consumare frutta o verdura neppure una volta al giorno, e solo il 12 % della popolazione consuma le 5 porzioni raccomandate o più al giorno.
L’Italia è un po’ al di sotto di questo dato: le 5 porzioni giornaliere vengono consumate da poco più del 10% della popolazione.
In media, oltre la metà della popolazione dell'UE, il 55 %, ha dichiarato di mangiare tra 1 e 4 porzioni di frutta e verdura al giorno.
Lo afferma la ricerca EUROSTAT Daily consumption of fruit and vegetables in the UE, 2019 che rimanda dati preoccupanti circa il consumo degli alimenti più salubri e consigliati per la nostra dieta.

Tra gli Stati membri dell'UE, l'assunzione giornaliera più elevata, pari o superiore a 5 porzioni, è stata registrata in Irlanda (33% della popolazione), nei Paesi Bassi (30%), in Danimarca (23%) e in Francia (20%).
La dose giornaliera più bassa è stata riscontrata in Romania, dove solo il 2% della popolazione ha mangiato almeno 5 porzioni di prodotti ortofrutticoli, seguita da Bulgaria e Slovenia (entrambi 5%) e Austria (6%).

I dati dell’Eurostat sul consumo giornaliero di frutta e verdura, riferito alla popolazione over 15 anni, fotografano anche differenze di genere a favore delle donne.
L'assunzione giornaliera di frutta e verdura da parte delle donne, infatti, è superiore a quella degli uomini: in media, il 58% delle donne ha riferito di mangiare da 1 a 4 porzioni rispetto al 51% per gli uomini.
Lo stesso vale per un'assunzione giornaliera pari o superiore a 5 porzioni (15% vs 10%).
L'indagine ha inoltre mostrato che un numero maggiore di uomini rispetto alle donne ha riferito di aver saltato del tutto l'apporto di frutta e verdura (39% contro 27%).

Fonte: ec.europa.eu


Condividi su: